Nevrosi

Cos'è, cause, sintomi, diagnosi, cure e trattamenti

Cerca lo specialista vicino a te e prenota!

Cos'è Cos'è

Le nevrosi sono caratterizzate da ansia, sentimenti di inadeguatezza e insoddisfazione, e disturbi del comportamento.

Il cervello inventa scuse. Le inventa perché non riesce a capire che è lui stesso la causa di molte “battute di arresto”, di molti momenti di difficoltà nei quali ci troviamo ad abbandonare o lasciar perdere, momenti di irritabilità immotivata, momenti di tristezza. Situazioni nelle quali non si arriva certo alla depressione o al panico, ma che accadono nella vita di tutti, a seconda delle proprie vulnerabilità o punti deboli. Il cervello inventa che “non mi piaceva”, inventa che “c'era quello che mi stava antipatico”, inventa che “era troppo difficile”.

La vera sfida sta nel capire quanto avremmo voluto realmente fare quella cosa, o quanto alla fine non rappresentava davvero una parte essenziale da realizzare di noi stessi. Anche in questo caso, pur non patologico ma semplicemente un eventualità psicologica, uno specialista può aiutare a far chiarezza ed consigliare l'atteggiamento mentale corretto.

Cause Cause

Nonostante possa sembrare un titolo difficile cercherò di spiegare in modo più lineare possibile questa caratteristica della nostra mente e quali sono le sue conseguenze, quelle comuni di ogni giorno e quelle che invece ritroviamo nel corso della depressione e di altri disturbi psicologici.

Nel mio ambulatorio i pazienti che vedo spesso pensano che i disturbi che hanno e mi riferiscono non siano come un mal di gola, o il diabete. Si riferiscono alla depressione come qualcosa di intoccabile o indescrivibile, ad uno stato di ansia cronico come qualcosa di non misurabile o impossibile da descrivere.

Questo accade perché non abbiamo coscienza del cervello. Lungi da me avviare una discussione sul concetto di coscienza, ma sicuramente non è possibile avere conoscenza di un organo che non sentiamo. Ed il cervello non ha organi di senso. Cioè, se aprissimo la calotta cerebrale di un uomo da sveglio potremmo toccare il suo cervello senza che se ne accorgesse. Il cervello ha dentro di se i collegamenti e la rappresentazione di tutto il nostro corpo, organi interni ed esterni, così come la possibilità di ricevere informazioni attraverso i nostri organi di senso e, di conseguenza, interagire con il mondo esterno. Ma non sente se stesso, non è rappresentato, non sulla corteccia motoria, non sulla sensitiva. Cosa succede dunque quando al cervello accade qualcosa di metabolico, di fisico o di patologico?

Sintomi Sintomi

La nostra coscienza è rappresentata anche da un tono timico che colora le nostre percezioni. Cosa succede quando inizia una depressione? Percepiamo uno stato di scarsa energia, scarsa voglia di fare, disturbi del sonno o dell'appetito, non abbiamo più le esperienze gratificanti da situazioni ben conosciute.

Ecco che la nostra coscienza (che peraltro ha sede sicuramente nel cervello) deve trovare una giustificazione a questa strana situazione. “La mia amica mi ha risposto male”, “Questa vita (lavoro, moglie, fidanzata, capoufficio, casa) non mi piace più”, queste, oppure un reale evento di vita vengono considerati come causa dei sintomi di depressione. Come la depressione anche l'ansia può dar luogo a proiezioni del cervello.

Diagnosi Diagnosi

Eventi reali, causa di lutti o gravi delusioni, così come problemi cronici di difficile soluzione possono non essere immediatamente riconosciuti dalla nostra coscienza. Ecco che il cervello crea nuovamente delle motivazioni che si vanno a sostituire a quelle reali per giustificare ansia o depressione. Motivazioni spesso futili, o di scarso rilievo, che mascherano la possibile interpretazione o soluzione.

Se questo in caso di eventi gravi ed evidenti è immediatamente riconoscibile dallo specialista, spesso non lo è per problematiche profonde e croniche, o per un conflitto che nasce dalle caratteristiche temperamentali della persona in questione, difficili da mettere in discussione perché rinforzate da anni di accettazione e magari funzionale utilizzo delle medesime nella vita. Con l'aiuto dello specialista si possono scoprire delle caratteristiche inaspettate, che meglio si adattano alle situazioni che hanno creato il conflitto.

Casi più complessi sono coloro che, avendo sviluppato ansia, depressione oppure ossessioni come reazione ad una problematica cronica, non accettano di riconoscerne la reale causa ma si concentrano sui sintomi puri come causa della loro situazione. Il trattamento farmacologico da solo può attenuare temporaneamente la sintomatologia, ma senza un'adeguata coscienza ed accettazione delle problematiche la risoluzione è una strada in salita.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Il trattamento farmacologico sicuramente serve in una fase iniziale per controllare i sintomi critici e dare la possibilità alle persone di utilizzare le funzioni cognitive.

La psicoterapia cognitivo-comportamentale non solo rappresenta una soluzione per il problema contingente, ma offre una soluzione a lungo termine per gestire simili eventi anche nel futuro.

La combinazione di entrambe i trattamenti è sicuramente la migliore delle soluzioni terapeutiche.

Dr. Giovanni Placidi
A cura del Dr. Giovanni Placidi
Psichiatra
Prenota una visita

Specialisti che si occupano di nevrosi

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita medica in pochi click.

oppure scegli una provincia

Nevrosi: Articoli dal blog di iDoctors

La lingua rappresenta l’organo del gusto rappresentato dai suoi calici gustativi e dalle gemme gustative presenti nelle papille, disseminate nel palato, che sono calcolabili entro un range che va da 2.000 a 8.000, in base all’età. Tali papille sono generate ogni dieci giorni. I sapori fondamentali sono: dolce, amaro, salato, acido. Ogni cellula gustativa è  … Continua...

Un caso di sindrome da affaticamento cronica (o CFS) è definito dalla presenza delle seguenti condizioni: fatica cronica persistente per almeno sei mesi non alleviata dal riposo, che si esacerba con piccoli sforzi e che provoca una riduzione dei livelli precedenti delle attività occupazionali, sociali o personali.  Affinché venga diagnosticata una CFS è necessario che il  … Continua...

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...