Disprassia

Prof. Roberto Carlo Russo

A cura del Prof. Roberto Carlo Russo

Neuropsichiatra infantile

Cos'è Cos'è

La disprassia è un disturbo congenito o acquisito precocemente che, pur non alterando nella sua globalità lo sviluppo motorio, comporta difficoltà nella gestione dei movimenti comunemente utilizzati nelle attività quotidiane (ad es. vestirsi, svestirsi, allacciarsi le scarpe) e nel compiere gesti espressivi (che servono a comunicare emozioni, stati d’animo); inoltre è deficitaria la capacità di compiere sia gesti transitivi (che comportano l’uso di un oggetto, abilità manuali ) che intransitivi (non rivolti ad un oggetto, a contenuto prevalentemente simbolico).

Lo studio dell'evoluzione e dell'organizzazione degli schemi motori nel bambino, con tutte le loro variabili che vanno dalla norma, alla variante della norma e alla patologia, vengono spesso non sufficientemente approfondite, valutate e considerate nella loro espressività ludica e in rapporto ai differenti tipi di organizzazione motoria che influenzano le modalità delle acquisizioni cognitive e la relazione con l'ambiente.

L'organizzazione dell'atto motorio, nelle sue caratteristiche esecutive (l'orientamento spazio-temporale, l'inibizione alla diffusione degli stimoli e il processo d'integrazione somatica), le competenze di analisi visiva, l'adeguata conoscenza delle potenzialità di lavoro delle parti corporee, costituiscono le basi per l'evoluzione delle scelte motorie di adattamento alle variabili ambientali, premesse essenziali per accedere alle capacità prassiche. L'organizzazione neurofisiologica richiede:

  • l'intenzione da parte delle aree prefrontali che svolgeranno anche una continua supervisione dei piani esecutivi e del risultato;
  • la programmazione tramite la scelta e la combinazione sequenziale degli schemi motori (area premotoria, motoria supplementare e motoria) con la collaborazione dei nuclei della base;
  • l'integrazione dei programmi con le competenze cerebellari;
  • l'analisi delle informazioni visive integrate con i dati della sensibilità generale (aree 5 e 7 che invieranno alle aree premotorie, motoria supplementare e prefrontali, le condizioni posturali in atto e le condizioni esterne);
  • il comando esecutivo realizzato dalle aree premotorie e motorie, secondo competenza;
  • gli opportuni adattamenti post-urocinetici tramite il sistema nucleo rosso- cervelletto e cervelletto-tronco dell'encefalo.

La collaborazione armonica di tutti i processi elencati realizza l'attività prassica. Questa, per essere tale, deve essere rapida, precisa, economica e adattata alla situazione sulla base dei dati visivi, posturali e propriocinetici. L'apporto dello psicomotricista, tramite l'osservazione in specifici setting ha favorito, in spontanee attività ludiche, la libera espressività del bambino, mettendo in evidenza alcune difficoltà motorie segmentali e/o globali, diversamente espresse a seconda del tipo di attività e/o di motivazione del bambino, condizionate da un disturbo nel processo evolutivo delle competenze motorie e in particolare di quelle prassiche.

Cause Cause

La distribuzione delle disprassie dipende non solo dalla problematica disfunzionale, ma anche dalle motivazioni e dalla carenza di esperienze in specifici campi. Possiamo ricordare le disprassie Assiali, posturali, degli arti, bucco-linguo-facciali, oculari, verbali.

Per le caratteristiche cliniche vanno citate le seguenti:

  • Disprassia melocinetica. È un disturbo esecutivo elementare della funzione motoria che limita la capacità di eseguire movimenti in rapida successione. Ipotizzabile disfunzione dell’area premotoria, nuclei della base e del cervelletto. Può essere destra o sinistra. Spesso associata a difficoltà di superamento della linea mediana. Non sa essere veloce in rapida sequenza.
  • Disprassia Ideomotoria. Difficoltà esecutiva di azioni semplici che non possono essere divise in azioni parziali, con o senza l’uso di oggetti. Non sa come fare.
  • Disprssia Ideativa. Le Prassie Ideative o concettuali consistono nell’avere un concetto di azione e in seguito nell’essere in grado di eseguire un’azione complessa di quello che deve essere fatto. Non sa cosa fare. (Charles Njiokiktjien, 2000)
  • Disprassie Costruttive. Difficoltà di organizzazioni complesse di componenti spaziali sotto il controllo visivo. Non sa come organizzare i rapporti spaziali. --Trimensionali --Bidimensionali.
  • Disprassie Posturali-Assiali. Difficoltà corporea di realizzare posture in rapporto alle intenzioni o su modello. Questo disturbo è considerabile una prassia ideomotoria. Permette che tutto il corpo sia adeguatamente integrato nelle attività somatiche. Strettamente dipendente dall’organizzazione dello schema corporeo. Non sa come organizzare il corpo in senso spaziale.
  • Disprassia dell'Abbigliamento. Difficoltà di rapporta lo schema di movimento delle parti corporee agli indumenti.
  • Disprassia della Deambulazione. Non sa adattare il cammino a richieste particolari.
  • Disprassie Bucco-Linguali o Disprassie Bucco-Facciali. Difficoltà d’imitazione (o su consegna verbale) di eseguire azioni con la bocca o con la lingua o con i muscoli facciali. Può impegnare la parte facciale alta e/o bassa della muscolatura mimica.
  • Disprassia dell’Espressività o Discinesia. Difficoltà di esprimere su consegna espressioni mimiche di base (allegria, tristezza, paura, rabbia, ....).
  • Disprassie Oculari. Disturbi del controllo intenzionale dell sguardo.
  • Disprassie verbali. Difficoltà di articolare suoni con o senza significato.

Sintomi Sintomi

Il quadro sindromico è sostenuto da un globale deficit dell'organizzazione motoria nei suoi tre processi maturativi: coordinamento, inibizione alla diffusione e integrazione somatica. Tra questi il fattore principale che costituisce il nucleo patogenetico della debilità motoria è un deficit di coordinazione sostenuto dalla difficoltà di una armonica regolazione tonico-cinetica tra i muscoli agonisti e quelli antagonisti e di una corretta sequenza degli schemi che compongono il movimento intenzionale. Queste alterate regolazioni tonico-cinetiche (paratonie) determinano carenze di controllo della direzione del movimento; la risultante è un movimento stentato, con movimenti bruschi ed altri lenti, con difficoltà direzionale, spesso dismetrico, antieconomico e di resa scadente o inefficace. I movimenti paratonici si verificano negli schemi motori complessi e nelle nuove attività motorie; le paratonie, in una data attività motoria e a seconda della gravità, possono lentamente risolversi con il ripetere a lungo quella esperienza.

Ne deriva un'attività motoria caratterizzata da schemi infantili, scoordinati, ricchi di partecipazioni sincinetiche, privi d'integrazione o con sinergismi anomali e controproducenti. Per tale tipo di movimento è stato proposto il termine "goffaggine" (Rosano e Galletti 1980). La sintomatologia clinica difficilmente dà segnali nel primo anno di vita, ad esclusione di un modesto ritardo globale ed in particolare di un frequente ritardo maturativo della prensione.

Nel corso del secondo anno la prensione stenta ulteriormente a maturare e il bambino presenta una netta difficoltà di organizzazione spaziale in attività complesse; nella maggior parte dei casi la pinza superiore ritarda a comparire. La quantità di attività motoria tende ad essere limitata e spesso espressa con lentezza; l'interesse per gli oggetti è superficiale e di breve durata; è poco presente la tipica esplosione di conquista, l'interesse per tutto e la spinta all'autonomia che contraddistingue il bambino sano nel corso del secondo anno di vita. Nella maggior parte dei casi le competenze motorie fondamentali (prensione, pinza, deambulazione, risposte di paracaduta, linguaggio) vengono acquisiti in tempi normali nei primi due anni di vita.

Dal terzo anno in avanti la sintomatologia disprassica è manifesta: i bambini presentano un'attività motoria scarsa, una esecuzione rallentata e la classica goffaggine nei grandi movimenti somatici specie nella corsa, nel salto, nel lancio e nel calcio della palla. Le paratonie tendono ad essere diffuse ai quattro arti, in genere con maggiore interessamento di quelli superiori in quanto svolgono attività più complesse e specializzate. Non sempre la distribuzione e l'intensità delle paratonie è simmetrica, costante è la presenza di sincinesie e il deficit d'integrazione somatica; l'espressione mimica e gestuale può essere scarsa e povera, il tronco con una certa frequenza presenta difficoltà ad adattarsi alla richiesta di rapidi cambiamenti posturali; è sempre presente una difficoltà al rilassamento segmentario intenzionale; quasi sempre è ritardata l'evoluzione dell'uso selettivo delle dita e compromessa la fine motricità della mano che spesso darà origine ad una disgrafia nell'eta scolare; anche il processo di lateralizzazione si presenta frequentemente rallentato e in alcuni casi con netto ritardo di differenziazione. Il quadro si traduce in un'insufficiente organizzazione delle prassie ideative e costruttive. Il linguaggio è povero in alcuni casi, strutturato in frasi semplici, scorretto, espresso lentamente e scandito, in altri casi è nella norma.

Sul piano relazionale si nota: scadente interesse evolutivo, spiccata passività e ricerca di dipendenza dall'adulto, stati d'ansia e rifiuto di situazioni nuove, difficoltà nei rapporti interpersonali con incapacità adattative e intolleranza alle frustrazioni. All'esame neurologico oltre alle paratonie tipiche della sindrome, facilmente evidenziabili con la mobilizzazione passiva degli arti, è frequente il riscontro di risposte atipiche di tipo piramidale alla stimolazione plantare e riflessi miotattici fasici esaltati. Con il procedere dell'età le sincinesie si riducono, i movimenti più usati acquistano una mediocre coordinazione, compaiono anche alcuni sinergismi del processo d'integrazione somatica, ma gli atti motori restano lenti e antieconomici. 

Diagnosi Diagnosi

La diagnosi varia in base alla tipologia:

  • Disprassia melocinetica. Prova veloce delle marionette (prono-supinazione in rapida sequenza) Prova veloce Indice Naso (in rapida sequenza) Opposizione rapida del Pollice sulle altre dita (in rapida sequenza) Tapping (in rapida sequenza) Prove della Stambak
  • Disprassia Ideomotoria. Imitazione di gesti simbolici (ciao, alt, saluto militare, segno di vittoria) Imitazione di gesti non simbolici Test di Bergès-Lèzine Uso di funzione senza oggetto (lavarsi i denti, pettinarsi, martellare un chiodo, aprire con la chiave una porta) Test RPI.
  • Disprssia Ideativa. Cambiare il pannolino a una bambola Accendere una candela (scatola di fiammiferi) Fare il tè (pentolino, tazza, bustina del tè)
  • Disprassie Costruttive. Trimensionali. Puzzle ad incastri, Test di Benton, Test del Camioncino di Russo, Test dei Cubi di Russo. --Bidimensionali. Bender, Rey, Santucci, MC2 e MC3 di Russo, Test di Scrittura.
  • Disprassie Posturali-Assiali. Imitazione delle posture, Parti del Test di Bergès-Lèzine, Schema Corporeo, Test dello Schema Corporeo di Russo.
  • Disprassia dell'Abbigliamento. Mettere e togliere gli indumenti.
  • Disprassia della Deambulazione. Difficoltà a camminare su richieste particolari Camminare in punta dei piedi, sui talloni, lungo una linea discontinua, tra ostacoli.
  • Disprassie Bucco-Linguali o Disprassie Bucco-Facciali. Estroflettere la lingua e muoverla nelle 4 direzioni Gonfiare le gote Soffiare Mordere le labbra Corrugare la fronte Arricciare il naso Serrare fortemente le palpebre.
  • Disprassia dell’Espressività o Discinesia. Difficoltà di esprimere su consegna espressioni mimiche di base (allegria, tristezza, paura, rabbia, stupore, felicità, disprezzo, disgusto)
  • Disprassie Oculari. Indagine riservata all'esperto di valutazione della funzione visiva. Disprassie verbali.Difficoltà di articolare suoni su imitazione con o senza significato.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

La pluralità della genesi delle tipologie disprassiche richiede un indirizzo terapeutico individualizzato che deve assolvere ad alcuni principi fondamentali:

  • Attività indirizzate ad una migliore conoscenza della corporeità.
  • Attività di comunicazione gestuale, posturale e mimica.
  • Attività di facilitazione all’uso dei simboli.
  • Analisi di oggetti da diverse angolazioni.
  • Attività di organizzazioni spaziali tridimensionali (incastri, costruzioni).
  • Attività di organizzazioni spaziali bidimensionali (grafiche).
  • Uso di strategie diverse per raggiungere lo stesso risultato.
  • Attività per rendere automatizzate alcune azioni di uso frequente.
  • Attività di analisi della percezione visiva (figure sfondo, figure nascoste, ecc...). 
  • Attività di attenzione selettiva su richiesta.
  • Sostegno di rinforzo della fiducia del sè.
  • Supporto di aiuto alle figure parentali per un adeguato rapporto e stimolo.
  • Collaborazione con le figure educative e scolastiche.

Indirizzo di recupero specifico del disturbo e gli obiettivi dell'intervento saranno identificati sulla base della tipologia disprassica.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.


Specializzazioni correlate

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Disprassia?

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...