Cerca uno specialista, una prestazione medica, una patologia o il nome del medico

Infiammazione del nervo trigemino

Dr. Giuseppe Serafini

Dr. Giuseppe Serafini

Medico del dolore Medico Chirurgo - Dottore di Ricerca - Cure palliative e Medicina del dolore Creato il: 04/07/2024
La nevralgia del trigemino è un’infiammazione a carico del nervo facciale trigemino, caratterizzata da dolore lancinante. 

Il trigemino è uno dei dodici nervi cranici, con funzione sia sensitiva sia motoria.  Ha origine nel cervello e da lì si divide in tre grosse branche: il nervo oftalmico, il nervo mascellare, il nervo mandibolare.

La nevralgia o infiammazione del trigemino può riguardare una o tutte queste branche. Colpisce prevalentemente gli adulti e gli anziani, con incidenza maggiore nei soggetti femminili: il rapporto è di circa 2:1. 
 
Infiammazione del nervo trigemino

Cause Cause

L’infiammazione del nervo trigemino conosce diverse cause e fattori favorenti tale condizione. Tra le principali cause si segnalano: 
 
  • compressione del nervo: un vaso sanguigno, sia esso una vena o un’arteria, può comprimere il nervo trigemino e causare l’infiammazione; 
  • tumori: la formazione di masse tumorali nell’area del trigemino può portare alla compressione del nervo e causare l’infiammazione; 
  • traumi o lesioni cerebrali; 
  • infezioni: infezioni virali, come l’herpes zoster (condiziona patologica nota comunemente anche con il nome di Fuoco di Sant’Antonio), possono coinvolgere il nervo trigemino e causare l’infiammazione; 
  • patologie neurologiche: alcune patologie come la sclerosi multipla portano alla perdita della guaina mielinica che avvolge e protegge i nervi, favorendo lo sviluppo della nevralgia. Si tratta, tuttavia, di un’eventualità più rara.
In alcuni casi, la causa della nevralgia del trigemino può restare sconosciuta e la condizione viene pertanto considerata idiopatica. 
 

Sintomi Sintomi

La manifestazione clinica più evidente della nevralgia è l’intenso dolore facciale. L’episodio doloroso può avere una durata che può variare da pochi secondi fino a due minuti, per poi presentarsi nuovamente nell’arco di una giornata, fino ad arrivare anche a un centinaio di episodi nelle ventiquattro ore.

Il dolore può rivelarsi insopportabile per il paziente, al punto da essere invalidante, influenzando la quotidianità della persona che ne è affetta. Pensiamo, per esempio, al fatto che sia impossibile dormire sul lato del volto interessato da questa condizione patologica.
 
Generalmente, il dolore facciale viene scatenato da uno stimolo come può essere un’azione comune, quale masticare o sorridere. 
 

Diagnosi Diagnosi

L’infiammazione del trigemino va sospettata in tutti i pazienti che all’anamnesi abbiano riferito la sintomatologia di cui sopra. Poiché il dolore facciale è un sintomo comune a diverse patologie, l’esame obiettivo consentirà di avere una conferma del sospetto diagnostico e distinguere la nevralgia da altre condizioni patologiche con una sintomatologia simile, quali l’emicrania cronica; il dolore post-erpetico, la sinusite e/o il dolore odontogeno.

Attraverso specifici test di imaging, sarà possibile risalire alla causa che è alla base dell’infiammazione. Il processo diagnostico, generalmente, prevede diverse fasi, tra le quali si segnalano: 
 
  • anamnesi ed esame obiettivo: il medico specialista raccoglie una dettagliata anamnesi, che include la descrizione dei sintomi, la frequenza degli episodi di dolore, i fattori scatenanti e eventuali condizioni mediche preesistenti. L’esame neurologico può includere la valutazione della sensibilità facciale e dei riflessi. In questi casi, il medico può valutare la risposta a stimoli leggeri (il primo) o freddi (il secondo) del paziente;
  • diagnosi differenziale: poiché il dolore facciale può avere diverse cause, il medico specialista deve escludere altre condizioni che potrebbero manifestarsi con sintomi simili. Tra queste si segnalano i problemi dentali e le sinusiti
  • test di imaging: la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata sono esami utili per escludere la presenza di tumori o altre anomalie strutturali che potrebbero comprimere il nervo trigemino. 
Infiammazione del nervo trigemino

Rischi Rischi

La nevralgia del trigemino non comporta rischi per la salute; tuttavia, il dolore intenso e ripetuto può compromettere la qualità della vita del paziente. Alcuni rischi e complicazioni associati a questa condizione includono: 
 
  • riduzione dell’alimentazione: il dolore acuto durante i pasti può portare a una riduzione dell’assunzione di cibo, causando eventualmente perdita di peso e carenze nutrizionali;
  • esaurimento emotivo: il continuo stress e la gestione del dolore possono portare a esaurimento emotivo e affaticamento;
  • depressione e ansia: il persistente dolore e la paura degli episodi futuri possono contribuire allo sviluppo di disturbi dell’umore come depressione e ansia;
  • svantaggi sociali: le limitazioni causate dal dolore possono portare all’isolamento sociale, poiché i pazienti possono evitare situazioni che potrebbero scatenare gli attacchi; 
  • effetti collaterali dei farmaci: alcuni farmaci utilizzati per trattare la nevralgia del trigemino possono causare effetti collaterali, che a loro volta possono influenzare la salute complessiva del paziente.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

La nevralgia del trigemino viene trattata in base alle cause e alla gravità dei sintomi. Alcune delle principali opzioni di trattamento includono: 
 
  • terapia farmacologica: nei casi in cui lo specialista ritiene opportuno procedere con questa opzione terapeutica, si utilizzano perlopiù farmaci anticonvulsivanti e antidepressivi per il controllo del dolore; 
  • interventi mininvasivi: come iniezioni di anestetico e la neurostimolazione. Le iniezioni di anestetico locale possono essere somministrate per bloccare temporaneamente il nervo trigemino e alleviare il dolore. La stimolazione del nervo tramite dispositivi impiantati può essere un'opzione in casi gravi; 
  • intervento chirurgico: per decompressione vascolare o distruzione del nervo. La prima procedura consente di separare chirurgicamente il nervo dall’arteria, dalla vena o dal tumore che lo comprime. La seconda procedura si avvale di iniezioni di glicerolo mirate a distruggere il nervo. Si tratta di un intervento cui si ricorre nei casi di dolore insopportabile e decompressione non praticabile. 

Bibliografia

  • Xu R, Xie ME, Jackson CM. Trigeminal Neuralgia: Current Approaches and Emerging Interventions. J Pain Res. 2021 Nov 3;14:3437-3463. doi: 10.2147/JPR.S331036. PMID: 34764686; PMCID: PMC8572857.
  • Lambru G, Zakrzewska J, Matharu M. Trigeminal neuralgia: a practical guide. Pract Neurol. 2021 Oct;21(5):392-402. doi: 10.1136/practneurol-2020-002782. Epub 2021 Jun 9. PMID: 34108244; PMCID: PMC8461413.
  • Araya EI, Claudino RF, Piovesan EJ, Chichorro JG. Trigeminal Neuralgia: Basic and Clinical Aspects. Curr Neuropharmacol. 2020;18(2):109-119. doi: 10.2174/1570159X17666191010094350. PMID: 31608834; PMCID: PMC7324879.
  • Radoš I. TREATMENT OPTIONS FOR TRIGEMINAL NEURALGIA. Acta Clin Croat. 2022 Sep;61(Suppl 2):96-102. doi: 10.20471/acc.2022.61.s2.12. PMID: 36824641; PMCID: PMC9942467.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.

Cerca i migliori specialisti che si occupano di Infiammazione del nervo trigemino nelle province di: Roma, Milano, Brescia, Napoli

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Infiammazione del nervo trigemino?

Trova il Medico più adatto alle tue esigenze.

Hai bisogno di un Dottore per Infiammazione del nervo trigemino?
Caricamento...