Ernia epigastrica

Dr.ssa Valentina Borsezio

A cura del Dr.ssa Valentina Borsezio

Chirurgo Vascolare

Cos'è Cos'è

L'ernia epigastrica è un difetto della parete anteriore dell'addome situato lungo la linea mediana, in un punto qualunque fra l'apofisi xifoide e l'ombelico.

Il difetto è dovuto ad una smagliatura della linea alba, struttura derivante dall'intreccarsi lungo la linea mediana, delle aponevrosi dei muscoli larghi dell'addome di ciascun lato. Tale "smagliatura" consente la protrusione e l'espandersi sotto la pelle, di strutture normalmente contenute in cavità addominale come epiploon o più raramente anse intestinali.

In realtà nella maggior parte dei casi la struttura erniata è tessuto adiposo pre-peritoneale o lipoma pre-erniario. Il difetto predilige il sesso maschile, nel quale la frequenza è da due a tre volte maggiore rispetto al sesso femminile; in più del 20% dei pazienti inoltre, si osservano difetti epigastrici multipli.

Cause Cause

Il difetto può essere congenito o secondario ad un indebolimento delle strutture muscolo-aponevrotiche dell'addome dovuto a sforzi fisici importanti, professionali o sportivi, obesità, gravidanza, broncopneumopatie croniche tussigene o età avanzata.

Sintomi Sintomi

Di solito si tratta di difetti piccoli che clinicamente si presentano come tumefazioni più o meno rilevate sul piano cutaneo e suscettibili di espansibilità con i colpi della tosse.

Nella maggior parte dei casi i sintomi consistono in un modesto dolore locale esacerbato dalla pressione, ma talora, nelle forme complicate da incarceramento erniario si associano meteorismo, nausea , vomito e più raramente diarrea.

In quei rarissimi difetti che invece evolvono verso lo strozzamento erniario, oltre al dolore, nausea e vomito si associano infine alterazioni della cute soprastante che diviene dapprima arrossata, e successivamente violacea, segni questi di estrema gravità e che comportano un intervento chirurgico d'urgenza.

Diagnosi Diagnosi

La diagnosi è clinica e l'esame obiettivo è quasi costantemente in grado di definire la patologia, distinguendola da altre tumefazioni sottocutanee e soprafasciali come per esempio i lipomi.

Tuttavia in caso di dubbio diagnostico, come può accadere in pazienti obesi, può essere utile il ricorso alla diagnostica per immagini come l'ecografia, la Tac e la Rmn.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Il trattamento dell'ernia epigastrica, come quello di tutti i difetti erniari è chirurgico.

Durante l'intervento, il sacco erniario viene riposizionato nel suo domicilio abituale, ovvero la cavità addominale, ed il difetto chiuso direttamente, tramite sutura dei margini della breccia, o indirettamente, tramite interposizione di una protesi che ha lo scopo di rinforzare la parete addominale nel caso in cui l'ampiezza del difetto e/o la qualità dei tessuti non diano affidabilità di tenuta e durata della plastica con la sola sutura della breccia erniaria.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.


Specializzazioni correlate

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Ernia epigastrica?

Trova il medico più adatto alle tue esigenze su iDoctors, il primo sito in Italia per la prenotazione di visite mediche ed esami, al tuo fianco dal 2008.

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...