Coccigodinia

Dr. Giovanni Migliaccio

A cura del Dr. Giovanni Migliaccio

Neurochirurgo

Cos'è Cos'è

La coccigodinia è un sintomo che si esprime con un dolore abbastanza intenso dovuto ad una patologia che riguarda le ultime vertebre della colonna vertebrale, è avvertito nella zona della piega glutea (zona anale).

Cause Cause

La causa principale, in assenza di patologie dimostrabili, è un trauma per caduta sulla regione glutea (il sedere), o anche microtraumi che si verificano con l'uso prolungato e costante della bicicletta, moto, andare a cavallo ecc.

L'evento traumatico può risalire anche a molti anni prima che compaia il dolore e, spesso, è misconosciuto dal paziente o non è ricordato.

La coccigodinia, quando non è riconducibile a un trauma conosciuto, si osserva con significativa incidenza nelle donne a causa della differente conformazione anatomica della pelvi femminile che, in genere, fa si che le vertebre coccigee siano più esposte, ovvero più "superficiali", quindi più esposte a traumi, ma verosimilmente anche a un’infiammazione cronica del coccige per una sorta d’instabilità o microinstabilità.

Sintomi Sintomi

Il dolore, spesso molto forte, definito intollerabile, può essere presente, con intensità variabile, in modo costante, ma è esacerbato dalla posizione seduta, tanto da doversi usare la cosiddetta ciambella per trovare un pò di sollievo quando si deve stare seduti. 

Esso può regredire spontaneamente per poi ripresentarsi anche a distanza di anni. È un dolore molto invalidante che condiziona la vita di relazione, sociale, lavorativa ecc.

Diagnosi Diagnosi

La diagnosi di coccigodinia è semplice e si basa sulla storia anamnestica riferita dal paziente oltre al dato oggettivo di evocare il dolore con la digitopressione.

È comunque necessario eseguire alcuni accertamenti strumentali quali la Risonanza Magnetica, un Radiogramma delle vertebre del coccige in stazione eretta e in posizione seduta.

La prima per escludere altre cause, il secondo per valutare la conformazione del coccige. La coccigodinia, contrariamente a quello che comunemente si ritiene, nella maggioranza dei casi, può essere curata.

Come per quasi tutte le affezioni della colonna vertebrale, il trattamento, in prima istanza e in linea di massima, deve essere quello medico-conservativo che comunque non dovrebbe essere prolungato oltre i 6 mesi, principalmente in rapporto a quella sofferenza soggettiva che solitamente condiziona la qualità della vita di chi ne soffre.

Rischi Rischi

Se la causa non è di origine tumorale, i rischi di non trattare la coccigodinia sono quelli di dover convivere con il dolore con i disagi facilmente immaginabili.

I rischi di un trattamento chirurgico, una volta fallita la terapia medico-conservativa, sono minimi e consistono essenzialmente nella possibile infezione della ferita in considerazione della zona di intervento e il prolungarsi dei sintomi anche per qualche mese o più dall'intervento.

Nel primo caso la prevenzione con antibiotici somministrati prima dell'intervento e per almeno una settimana dopo, una rigorosa igiene intima scongiurano il rischio infettivo.

Nel secondo caso il prolungarsi del dolore è verosimilmente dovuto al traumatismo chirurgico e a una residua infiammazione dei tessuti limitrofi. Solitamente del dolore se ne ha ragione osservando riposo e con l'assunzione controllata di antidolorifici.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Il trattamento di prima scelta deve essere medico-conservativo. Vi sono diverse procedure fisiche che possono dare soddisfacenti risultati, compresa, in caso di esito fratturativo, la riduzione della lussazione o sublussazione, mediante manipolazione interna.

Nel caso tali provvedimenti fisioterapici fallissero, la terapia è chirurgica e consiste nel rimuovere la vertebra dolorante.

L'intervento si effettua solitamente in anestesia locale, ha la durata di circa 1/2 ora e, seppur è possibile effettuarlo in Day Hospital, in genere si preferisce trattenere il paziente per almeno una notte in osservazione per controllare eventuali reazioni.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.


Specializzazioni correlate

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Coccigodinia?

Trova il medico più adatto alle tue esigenze su iDoctors, il primo sito in Italia per la prenotazione di visite mediche ed esami, al tuo fianco dal 2008.

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...