Tumore della vescica

Dr. Fabrizio Muzi
A cura del Dr. Fabrizio Muzi
Andrologo

Cos'è Cos'è

Il tumore della vescica è il secondo tumore dell'apparato genito-urinario per frequenza, 10% e 3% di tutti tumori maligni rispettivamente nell'uomo e nella donna. In Italia si stimano circa 14.000 nuovi casi all'anno negli uomini e 3.000 nuovi casi nelle donne.

Cause Cause

Fra le cause del tumore vescicale si riscontrano alcuni fattori di rischio di origine ambientale, altri eredo-familiari. Fra i fattori di rischio ambientali ricordiamo l'esposizione occupazionale alle ammine aromatiche, ai coloranti, alle vernici e collanti. Inoltre non bisogna dimenticare il fumo di sigaretta, molto descritto per la sua associazione con il tumore del polmone. Come fattore di rischio per il carcinoma vescicale risulta a volte sottovalutato e ne viene data poca informazione a carattere divulgativo.  

Il tumore vescicale è stato il primo tumore professionale descritto in letteratura, dal momento che venne osservato negli spazzacamini inglesi nel '700-'800. Essi venivano esposti a fuliggine e altri fumi fin dalla più tenera età, dal momento che di solito erano dei bambini che lavoravano come spazzacamini. Esistono delle categorie lavorative a maggior rischio di esposizione a contaminanti chimici come parrucchieri, operatori sanitari, tipografi, operatori ecologici, operatori edili ecc.

Tuttavia l'associazione tra fumo di sigaretta e i tumori della vescica è nota da diversi anni ed è stata osservata in numerosi studi di coorte e caso controllo. Il rischio di tumore vescicale nei fumatori è da due a cinque volte più elevato rispetto ai non fumatori e aumenta all'aumentare del numero di sigarette fumate.

dottore e dottoressa

Consulta la lista degli specialisti disponibili che si occupano di Tumore della vescica. Verifica gli specialisti vicino a te 

Sintomi Sintomi

Sintomo principale del tumore vescicale è l'ematuria, l'emissione di sangue con le urine. Per tale motivo ogni qual volta si verifica un sanguinamento palese con le urine o quando si riscontra persistenza di microematuria all'esame urine (dove si segnala la presenza di eritrociti nel sedimento urinario), che non è in grado di dare un sanguinamento palese clinicamente rilevabile, è necessario rivolgersi al Medico.

Più raramente il tumore vescicale, quando raggiunge dimensioni importanti, può provocare disuria (difficoltà nell'urinare).

Diagnosi Diagnosi

In sostanza non esiste uno screening preventivo per il carcinoma vescicale. È importante mantenere sotto stretto controllo sanitario le categorie a rischio ed i relativi ambienti di lavoro ed insistere nelle campagne contro il fumo di sigaretta. In caso di insorgenza di ematuria il paziente viene inviato ad eseguire direttamente una cistoscopia dal momento che l'ecografia potrebbe mancare la diagnosi di lesioni tumorali molto piccole oppure anche di dimensioni importanti ma piatte ed estese lungo il profilo della parete vescicale. Anche in caso di cistoscopia negativa il paziente viene inviato ad eseguire ulteriori accertamenti quali l'uro-TC o l'urografia perfusionale al fine di escludere la provenienza del tumore dagli ureteri.

Esistono poi degli esami specifici delle urine (esame citologico delle urine su tre campioni, immunofluorescenza FISH) che valutano la presenza di cellule alterate. Sono esami che tuttavia vengono alterati anche in caso di cistite o altri disturbi del tratto urinario. Esiste poi il BTA TEST che si effettua su poche gocce di urine alla ricerca di proteine specifiche del complemento che risulta overespresso in caso di tumore vescicale. Anche questo test è utile ma sempre in associazione ad altre metodiche.

L'ecografia rimane comunque un mezzo di facile approccio ma da considerare sempre con le dovute riserve, proprio perché a volte le neoplasie vescicali possono andare ben oltre i limiti di risoluzione della metodica.

  Scopri gli Specialisti che si occupano di
Tumore della vescica vicino a te 

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Una volta diagnosticato il tumore vescicale il paziente può essere sottoposto a resezione endoscopica della lesione vescicale. Attraverso uno strumento endoscopico si entra dall'uretra e si accede alla cavità vescicale. Lo strumento operativo è dotato di un'ansa collegata ad un elettrobisturi esterno che eroga vari tipi di corrente. Con questo sistema è possibile resecare la lesione descritta per poter poi inviare il materiale ad esame istologico. Tale procedura è sia diagnostica sia terapeutica.

Differisce dalla semplice cistoscopia dal momento che si utilizza uno strumento di solito di calibro moderatamente più grande e tale procedura va effettuata necessariamente in sedazione in caso di piccole lesioni o in anestesia loco regionale/totale in caso di lesioni più estese e complesse. L'esame istologico è importante per valutare la natura della lesione ed il grado di infiltrazione nella parete. Sono rari i tumori benigni vescicali. Di solito si tratta di carcinomi.

L'aggressività è data dal grado di differenziazione delle cellule che lo costituiscono e dal grado di infiltrazione di parete. L'esame istologico stabilisce il prosieguo del trattamento e se vi è necessità di interventi più demolitivi oppure di mantenere il paziente in una sorveglianza periodica con la cistoscopia. Se il tumore risulta essere superficiale è possibile effettuare una sorveglianza periodica attraverso la cistoscopia e si può indirizzare il paziente ove necessario ad un trattamento con chemioterapia mediante instillazioni endovescicali.

Se il tumore vescicale, invece, infiltra la parete vescicale, allora è necessario effettuare interventi più demolitivi. Si rende necessario effettuare la rimozione totale della vescica: cistectomia radicale associata poi a tecniche di ricostruzione le più differenti quali la neovescica ortotopica, in cui la vescica viene ricostruita con alcune parti di intestino o Ureteroileocutaneostomia secondo Bricker, cioè il confezionamento di una stomia in cui vengono convogliate le urine da entrambi i reni.

Dr. Fabrizio Muzi
A cura del Dr. Fabrizio Muzi
Andrologo

Specialisti che si occupano di tumore della vescica

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...