Cerca uno specialista, una prestazione medica, una patologia o il nome del medico

Tumore dell'ovaio

Dr. Luca Zurzolo

Dr. Luca Zurzolo

Ginecologo Medico Chirurgo, specialista in Ginecologia e Ostetricia Creato il: 01/07/2024
Il tumore dell'ovaio è una neoplasia che coinvolge l'ovaio, ossia l’organo riproduttivo femminile deputato alla produzione degli ovuli e degli ormoni sessuali femminili. 
In genere si identificano tre tipologie di tumori maligni dell’ovaio:
 
  • tumori epiteliali, che sono la larga maggioranza dei casi e interessano le cellule superficiali delle ovaie, ossia quelle non deputate alla produzione di ovuli o ormoni;
  • tumori germinali, decisamente più rari e che interessano le cellule germinali, ossia quelle deputate alla produzione degli ovuli; questi colpiscono maggiormente le donne in giovane età (spesso sotto i venti anni); 
  • tumori stromali, che sono quelli più rari, e colpiscono lo stroma, ossia il tessuto che fa da struttura dell’ovaio e da cui vengono secreti gli ormoni.
Tumore dell'ovaio

Cause Cause

Come per molti tumori, le cause precise del tumore dell’ovaio non sono pienamente note. Tuttavia, sono stati individuati alcuni fattori di rischio accertati, che possono favorire la condizione, tra cui:
 
  • mutazioni genetiche ereditarie, come quelle nei geni BRCA1 e BRCA2, vengono individuate in un numero significativo di casi di tumore dell’ovaio e costituiscono un fattore di rischio anche per il tumore della mammella;
  • fattori ormonali: ad esempio, le donne che non hanno avuto gravidanze e con menarca precoce e menopausa tardiva possono avere un rischio maggiore; viceversa, chi segue terapie ormonali (ad esempio, i contraccettivi orali) per lunghi periodi sembra essere maggiormente protetto;
  • obesità, che è stata associata a un aumento del rischio di sviluppare tumori ovarici, sebbene con un meccanismo ancora non completamente compreso.

Sintomi Sintomi

Nella fase di esordio, il tumore dell’ovaio si manifesta in modo completamente asintomatico. I sintomi, infatti, cominciano a comparire quando la neoplasia è particolarmente estesa e solitamente includono manifestazioni cliniche quali:
 
  • dolore o disagio nella parte inferiore dell'addome o nella regione pelvica possono essere sintomi precoci del tumore ovarico;
  • gonfiore addominale, spesso descritto come un senso di pienezza o pesantezza e associato alla presenza di aria;
  • aumento della frequenza urinaria, con una maggiore sensazione di urgenza;
  • difficoltà a mangiare o senso di sazietà che si manifesta anche subito dopo aver iniziato il pasto.

Diagnosi Diagnosi

Avendo un esordio completamente asintomatico, il tumore dell’ovaio può anche rimanere non diagnosticato per lungo tempo, peggiorando la prognosi. 

In genere, la diagnosi è posta mediante visita specialistica, che parte da un colloquio anamnestico, in cui il medico prende nota della storia clinica della paziente. Successivamente, il ginecologo prosegue la visita con l’esame obbiettivo, mediante il quale viene eseguita una palpazione dell’addome per valutare la consistenza e le dimensioni delle ovaie.  

Dopodiché, esami come l'ecografia transvaginale o transaddominale, talvolta associata a una tomografia computerizzata (TAC) o a una risonanza magnetica, possono essere utilizzati per visualizzare l'ovaio e valutare la presenza di masse o anomalie.

Il dosaggio ematico del CA-125 (un marcatore tumorale associato ai tumori ovarici), infine, può essere utile per valutare il rischio di tumore ovarico e monitorare l’eventuale risposta al trattamento.
 
Tumore dell'ovaio

Rischi Rischi

Il tumore dell’ovaio è una condizione generalmente grave, che nei casi in cui viene diagnosticata in tardivamente può portare a un sensibile peggioramento della prognosi. 

In questi casi, i rischi maggiori sono dati dalla diffusione della neoplasia, che può andare a colpire altri organi e tessuti nella cavità pelvica o anche a distanza. In questi casi, la percentuale di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi può diventare anche bassa.  

Inoltre, i trattamenti per il tumore ovarico, come la chemioterapia, possono causare effetti collaterali significativi, tra cui nausea, perdita di capelli, affaticamento o aumento del rischio di infezioni.
 

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Al momento non esistono programmi di screening o di prevenzioni sufficientemente efficaci per il tumore dell’ovaio; tuttavia, l’esecuzione regolare di controlli ginecologici costituisce un ottimo metodo per agevolare una diagnosi precoce. In particolare, nelle donne che hanno già sviluppato tumori della mammella, può essere utile sottoporsi a test genetici per le mutazioni BRCA1 e BRCA2 e, in caso, intervenire chirurgicamente asportando le ovaie e le tube di Falloppio per ridurre il rischio di sviluppo del tumore. Come detto in precedenza, le terapie estroprogestiniche costituiscono un fattore di protezione per la comparsa del tumore.

La scelta del trattamento nei tumori dell’ovaio può dipendere significativamente dall’entità e dall’estensione del tumore, nonché dalle condizioni di salute generale della paziente. 

In generale, la chirurgia è il trattamento principale per i tumori ovarici; tuttavia, nella maggior parte dei casi l’intervento è efficace ma non è raro che il tumore dia luogo a recidive. 

In questi casi, infatti, può essere utile fare ricorso a una chemioterapia adiuvante o neo-adiuvante, ossia al ricorso a farmaci citotossici che possono uccidere le cellule neoplastiche e ridurre la dimensione del tumore per facilitare l’intervento o per rimuovere i residui dopo di esso, in modo da ridurre il rischio di recidive. In genere, i farmaci più impiegati sono il carboplatino o il paclitaxel.

La chemioterapia può anche essere affiancata o sostituita dal ricorso a terapie mirate con anticorpi monoclonali per impedire la formazione di nuovi vasi sanguigni nel tumore. In fase di studio c’è anche il ricorso a terapie immunologiche con effetto simile a quelle mirate ma, auspicabilmente, con migliori risultati. 

In genere, il ricorso alla radioterapia nel tumore dell’ovaio è abbastanza raro e circoscritto ai trattamenti di tipo palliativo, ossia per ridurre il dolore associato alla diffusione del tumore in altre sedi.
 

Bibliografia

  • Cho KR, Shih IeM. Ovarian cancer. Annu Rev Pathol. 2009;4:287-313.
  • Penny SM. Ovarian Cancer: An Overview. Radiol Technol. 2020 Jul;91(6):561-575.
  • Stewart C, Ralyea C, Lockwood S. Ovarian Cancer: An Integrated Review. Semin Oncol Nurs. 2019 Apr;35(2):151-156.
  • Tumore dell'ovaio. www.airc.it

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.

Cerca i migliori specialisti che si occupano di Tumore dell'ovaio nelle province di: Roma, Milano, Torino, Latina

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Tumore dell'ovaio?

Trova il Medico più adatto alle tue esigenze.

Hai bisogno di un Dottore per Tumore dell'ovaio?
Caricamento...