Strabismo

Dr.ssa Margherita Chiari

A cura del Dr.ssa Margherita Chiari

Oculista

Cos'è Cos'è

Lo strabismo è una deviazione congenita o acquisita di uno o entrambi i globi oculari. Può essere convergente (esotropia) quando l'occhio devia verso il naso, divergente (exotropia) se la deviazione è verso l'esterno, o verticale se un occhio è più alto (ipertropia) o più basso (ipotropia) dell'altro.

Cause Cause

Lo strabismo congenito è spesso su base eredo-familiare e può accompagnarsi a difetti refrattivi non corretti (ad esempio l'ipermetropia causa spesso uno strabismo convergente). Lo strabismo acquisito o dell'adulto è dovuto a una paresi o paralisi di uno o più muscoli che regolano i movimenti oculari e può riconoscere diverse cause: ischemiche, traumatiche, compressive, neurodegenerative.

Sintomi Sintomi

Lo strabismo congenito determina spesso un'ambliopia, cioè l'occhio deviato si abitua a non fissare e diventa pigro; la visione binoculare è assente, per cui anche la stereopsi (visione tridimensionale) è compromessa. Lo strabismo acquisito determina diplopia (visione doppia) che è molto fastidiosa per il paziente, tanto da costringerlo a chiudere un occhio.

Diagnosi Diagnosi

Per lo strabismo congenito la diagnosi si fa eseguendo una scrupolosa visita oculistica e ortottica. Lo stesso per lo strabismo acquisito con l'aggiunta di un esame specifico (schermo di Hess) utile per individuare quali sono i muscoli paretici.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Lo strabismo congenito prevede la correzione con occhiali dei difetti refrattivi se presenti, l'occlusione dell'occhio che vede meglio per stimolare l'occhio pigro ed eventualmente la correzione chirurgica. Se alla fine dell'iter terapeutico persiste un'ambliopia, può essere indicata una fotostimolazione visiva con appositi strumenti (Retimax) che hanno lo scopo di aumentare la funzione visiva, mediante il rilevamento di un potenziale evocato visivo associato a un feedback sonoro, agendo in tal modo sulla plasticità del sistema visivo.

Lo strabismo acquisito richiede una riabilitazione ortottica volta a migliorare la motilità del muscolo paretico, l'uso di lenti prismatiche per togliere la diplopia ed eventualmente un intervento chirurgico da eseguire non prima di un anno dall'insorgenza dell'evento acuto.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.


Specializzazioni correlate

Vuoi una parlare con uno specialista?
Vuoi parlare con un Dottore per Strabismo?
Prenota un consulto online
Hai bisogno di un Dottore?

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...