Ischemia miocardica

Dr. Giovanni Vaccaro
A cura del Dr. Giovanni Vaccaro
Cardiologo

Cos'è Cos'è

L'Ischemia miocardica indica uno stato di sofferenza cardiaca, causato dal ridotto apporto di sangue al cuore dovuto ad un restringimento (stenosi) di una delle arterie coronarie, deputate al trasporto di sangue ossigenato al muscolo cardiaco.

Cause Cause

La causa più comune, che determina l'ostruzione del lume coronarico, è l'aterosclerosi, cioè l'accumulo di colesterolo all'interno di una placca, tale da causare l'occlusione parziale del vaso, fino alla sua rottura con occlusione totale (infarto acuto).

dottore e dottoressa

Consulta la lista degli specialisti disponibili che si occupano di Ischemia miocardica. Verifica gli specialisti vicino a te 

Sintomi Sintomi

Il sintomo principale dell'ischemia miocardica, per la maggior parte dei casi, è il dolore al petto, quello che si definisce angina. Generalmente si localizza al centro del torace, spesso si irradia alla spalla sinistra e alla gola, alcune volte può irradiarsi anche alle mandibole.

Può insorgere dopo uno sforzo di lieve o modesta entità (camminata, rampa di scale) o a riposo, la durata può variare 5-30 minuti; in ogni caso rappresenta un campanello di allarme per eventuale cardiopatia ischemica.

Diagnosi Diagnosi

La diagnosi, necessità di una accurata visita cardiologica che comprenda l'anamnesi, un elettrocardiogramma, un ecocardiogramma e, se necessario, dei test di II livello come ecostress e prova da sforzo.

  Scopri gli Specialisti che si occupano di
Ischemia miocardica vicino a te 

Rischi Rischi

I rischi di un'eventuale cardiopatia ischemica non trattata, possono essere fatali in quanto la progressione dell'eventuale stenosi coronarica, può portare all'infarto miocardico, con occlusione acuta del vaso e rischio di morte.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

La cura e gli eventuali trattamenti oggi sono più che mai possibili grazie all'avvento, nell'ambito della cardiologia interventistica, di Stent coronarici di ultima generazione a rilascio di farmaco, che consentono, qualora sia necessario, una completa rivascolarizzazione con rischio di recidiva ridotto al minimo. 

Il trattamento, naturalmente, si avvale anche dell'ausilio di farmaci antiaggreganti come l'aspirina e altre classi farmacologiche tra cui betabloccanti, statine ecc. che, in associazione al trattamento interventistico, migliorano la qualità di vita prevenendo le recidive.

Dr. Giovanni Vaccaro
A cura del Dr. Giovanni Vaccaro
Cardiologo

Specialisti che si occupano di ischemia miocardica

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...