Infertilità

Dr. Pietro Salacone
A cura del Dr. Pietro Salacone
Endocrinologo

Cos'è Cos'è

Una coppia, dopo dodici mesi di tentativi senza successo nella ricerca di una gravidanza, dovrebbe iniziare un iter diagnostico per l’infertilità. Questo perché il concepimento è realizzato normalmente entro dodici mesi nell’80-85% delle coppie “fertili” che non usano misure anticoncezionali.L’infertilità rappresenta un importante problema sociale e sanitario, molto stressante in quanto l’impossibilità a non avere figli rappresenta, per l’uomo, una minaccia della propria autostima e per la donna, la ricerca esasperata di una gravidanza rischia di trasformarsi in un meccanismo a tempo, con rapporti esclusivi e mirati nel giorno e nell’ora dell’ovulazione, che conduce alla cosiddetta “medicalizzazione” della stessa ed il ricorso spesso a tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) non solo legato a motivi strettamente medici, ma anche al fattore età ed ai ritmi frenetici e stressanti che “inducono” la coppia a considerare l’utilizzo di tali tecniche come unica via d’uscita per risolvere la loro problematica.

Cause Cause

Le cause d’infertilità maschile si possono distinguere in:

  1. Pre-testicolari: rappresentano circa il 10% delle cause e sono dovute a patologie a carico dell’ipotalamo e dell’ipofisi che possono determinare un deficit nella secrezione delle gonadotropine FSH e LH (ormoni essenziali per la produzione degli spermatozoi) con conseguente ipogonadismo ipogonadotropo e ipospermatogenesi; se il deficit è congenito (la più frequente è la sindrome di Kallmann associata a mancanza di olfatto) si avrà un mancato sviluppo dei caratteri sessuali ed i genitali rimarranno prepuberi. Viceversa se il danno è acquisito dopo la pubertà, (adenomi ipofisari, craniofaringiomi, terapia chirurgica e radiante a livello della testa oppure abuso di anabolizzanti nella pratica sportiva), si avrà un’involuzione dei caratteri sessuali con ipotrofia testicolare e riduzione della produzione di spermatozoi.
  2. Cause Testicolari: sono patologie congenite o acquisite a carico dei testicoli che rappresentano circa il 60% delle cause di infertilità maschile. Questo gruppo comprende individui con un danno primitivo testicolare dovuto a diverse patologie andrologiche quali varicocele, criptorchidismo (pregresso o in atto), orchite, torsioni del funicolo spermatico, anomalie genetiche che possono alterare la spermatogenesi, tumore testicolare, fattori ambientali quali pesticidi, piombo, cadmio, mercurio, alcuni solventi chimici, farmaci citotossici impiegati nel trattamento dei tumori ed infine, ma non per questo meno importante, lo stile di vita (fumo di sigarette, droghe, stress, obesità, qualità dell’alimentazione, vicinanza a fonti di calore e/o radiazioni elettromagnetiche, ritardata età del matrimonio).
  3. Cause post-testicolari: comprendono le malformazioni, acquisite o congenite, delle vie seminali e delle ghiandole annesse e sono responsabili nel 15% di infertilità maschile. Possono essere secondarie a infezioni genitali del tratto genitale maschile, prostatite e flogosi delle vescichette seminali, oppure dovute a cause ostruttive congenite delle vie seminali con mancata produzione di un tratto di esse o di in un loro difetto di canalizzazione oppure ad ostruzioni acquisite conseguenti ad episodi infiammatori o a interruzioni chirurgiche accidentali (intervento di ernioplastica o di orchidopessi). 

Infine vi è un 10-15% di infertilità detta idiopatica o “sine causa” per la quale, ad oggi, ancora non è riconosciuta una possibile causa apparente diagnosticabile.

dottore e dottoressa

Consulta la lista degli specialisti disponibili che si occupano di Infertilità. Verifica gli specialisti vicino a te 

Diagnosi Diagnosi

Sebbene l’infertilità riguardi la coppia nell’insieme, spesso l’aspetto femminile è quello più seguito e studiato e, sebbene numerosi studi epidemiologici evidenziano come circa il 30% dei casi l’infertilità sia da attribuire all’uomo e un altro 20% a fattori ascrivibili ad entrambi i partner, con il maschio che si trova così coinvolto nel 50% dei casi di infertilità, lo studio del partner maschile viene spesso messo in secondo piano e non è insolito imbattersi in coppie nelle quali solo il partner femminile è stato studiato a fondo e si arrivi ad eseguire tecniche di fecondazione assistita senza che il maschio sia stato mai visitato.

Al contrario la valutazione andrologica dell’uomo deve sempre essere considerata ogni volta che una coppia inizia un iter diagnostico per infertilità e, a conferma di ciò, è il fatto che sono documentati tassi di gravidanza maggiorati fino al 50% quando anche l’uomo viene valutato e trattato farmacologicamente. Di fronte a tali dati è d’obbligo uno studio graduale di entrambi i partner per una corretta diagnosi di infertilità con un approccio il meno invasivo possibile, al fine di valutare la soluzione terapeutica migliore a seconda del problema evidenziato. 

Lo studio del maschio infertile deve basarsi prima di tutto su una attenta raccolta anamnestica e sull'esame obiettivo dei genitali. Quest'ultimo, se correttamente eseguito, permette di sospettare un evento patologico e indirizzare gli esami appropriati. A questo deve sempre seguire lo spermiogramma, che rimane l'esame principale per lo studio della fertilità maschile, che valuta numero, motilità e morfologia degli spermatozoi insieme ad altri parametri estremamente significativi. L'esame seminologico deve essere eseguito al microscopio ottico in centri di riferimento che prevedono la figura di un/una seminologo/a con maturata esperienza pluridecennale nel settore. Un andrologo sa immediatamente discriminare un esame seminologico eseguito correttamente, secondo i principi dettati dalla attuale manualistica di riferimento (WHO 2010), rispetto ad altri eseguiti senza alcuna competenza.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Solo dopo aver individuato la possibile causa dell’infertilità nell'uomo si può procedere con l’iter terapeutico che, a secondo dei casi, può limitarsi ad una terapia antibiotica in presenza di flogosi dell’apparto urogenitale, oppure alla correzione del varicocele (se presenta) o l'utilizzo di una terapia ormonale (FSH) che nel maschio può fare aumentare significativamente il numero di spermatozoi, oppure utilizzare specifiche terapie non ormonali per migliorare la spermatogenesi. In caso di azoospermia (completa assenza di spermatozoi), vi è la possibilità di recupero degli spermatozoi con tecniche di prelievo testicolare o epididimario e ricorrere successivamente a tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA).

  Scopri gli Specialisti che si occupano di
Infertilità vicino a te 

Dr. Pietro Salacone
A cura del Dr. Pietro Salacone
Endocrinologo

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...