Artrite reattiva

Dr. Filippo Iebba

A cura del Dr. Filippo Iebba

Allergologo

Cos'è Cos'è

L'artrite reattiva è una spondiloartropatia cronica infiammatoria sterile, spesso scatenata e determinata da una precedente infezione più spesso genito-urinaria o intestinale.

Cause Cause

L'artrite reattiva è determinata da una reazione immuno-mediata indotta da uno stimolo infettivo. Gli agenti microbici più spesso associati a successivo sviluppo di artrite reattiva sono clamidia, shigella, salmonella, campylobacter.

Un fattore di rischio per lo sviluppo di artrite reattive post-infettive è la positività per allele di istocompatibilità HLA-B27. La negatività di tale allele non esclude tuttavia la possibilità di sviluppo di artrite reattiva.

Sintomi Sintomi

Il coinvolgimento articolare è di solito preceduto, 2-4 settimane prima, da episodi infettivi, più spesso genito-urinari (es. uretrite) o intestinali (diarrea, dissenteria).

L'artrite reattiva è in genere caratterizzata dal coinvolgimento asimmetrico di una o poche articolazioni (monoartrite, oligoartrite) e interessa più spesso gli arti inferiori, la colonna lombare (spondilite) e le anche (sacroileite). La sacroileite è la manifestazione articolare più frequente nelle forme croniche. L'esito più frequente dell'artrite reattiva è la guarigione dopo pochi giorni-settimane. In una minoranza dei casi può tuttavia avere un decorso cronico o ricorrente. L'interessamento delle articolazioni è spesso associato a impegno delle entesi (tendiniti, tenosinoviti, fascite plantare)

L'artrite è spesso associata a coinvolgimento oculare che si manifesta con congiuntivite, cheratite e/o uveite. Un'altra possibile manifestazione clinica in corso di artrite è costituita da lesioni muco-cutanee: erosioni orali e/o genitali, eczema, pustolosi palmo-plantare (cheratoderma palmo-plantare).

Il coinvolgimento sistemico di altri organi è apparati è possibile ma più raro.

Diagnosi Diagnosi

La diagnosi di artrite reattiva è essenzialmente basata sull'anamnesi (positività per episodi infettivi genito-urinari, intestinali o più raramente in altri sedi, 2-4 settimane prima dell'esordio dell'artrite) e sul quadro clinico tipico. Utile ma non necessaria è la determinazione della presenza dell'allele HLA-B27.

Rischi Rischi

La prognosi dell'artrite reattiva è nella maggioranza dei casi favorevole con remissione della sintomatologia entro poche settimane.

Una percentuale variabile di pazienti (secondo alcune casistiche fino al 40-50%) presenta, tuttavia, un decorso caratterizzato da episodi ricorrenti o cronicizzazione dell'artrite. La manifestazione articolare più frequente nelle forme cronicizzate è la sacroileite che condiziona sfavorevolmente la qualità di vita e l'autonomia funzionale dei pazienti.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Le forme lievi di artrite reattiva si giovano di farmaci antinfiammatori.

Le forme più gravi, refrattarie al trattamento con antinfiammatori o ad andamento cronico, possono richiedere la prescrizione di farmaci immunosoppressori (sulfasalazina, azatioprina, metotressato). In alcuni casi selezionati particolarmente gravi o resistenti ai trattamenti convenzionali è stato impiegato apremilast, un inibitore di fosfodiesterasi 4.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.


Specializzazioni correlate

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Artrite reattiva?

Trova il medico più adatto alle tue esigenze su iDoctors, il primo sito in Italia per la prenotazione di visite mediche ed esami, al tuo fianco dal 2008.

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...