Cerca uno specialista, una prestazione medica, una patologia o il nome del medico

Aneurisma

Dr. Luca Garriboli

Dr. Luca Garriboli

Chirurgo Vascolare Medico Chirurgo, specialista in Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Creato il: 29/06/2017 Ultimo aggiornamento: 20/09/2023

L'aneurisma aortico è una condizione in cui l'aorta, il principale vaso sanguigno che trasporta il sangue dal cuore all'addome e al resto del corpo, si dilata in modo anomalo.

Un'arteria ha pareti elastiche che resistono alla pressione sanguigna ma, in alcuni casi, l'indebolimento della parete arteriosa o di una sua parte, può causare la formazione di un'area di dilatazione che nel tempo evolve a formare un aneurisma.

Aneurisma

Cause Cause

Molteplici sono le cause che possono portare l’aorta a dilatarsi:

  • cause congenite: alcune malattie genetiche come la sindrome di Ehlers-Danlos e la sindrome di Marfan possono predisporre allo sviluppo di aneurismi dell’aorta. Queste condizioni sono caratterizzate da difetti nel tessuto connettivo, che possono influire sulla resistenza e sull'integrità delle pareti arteriose;
  • cause degenerativel'aterosclerosi, una condizione in cui si accumulano depositi di grasso, colesterolo e altre sostanze sulle pareti delle arterie, è una delle principali cause degenerative dell’aorta, in quanto ne indebolisce le pareti predisponendone la dilatazione;
  • cause meccaniche: traumi diretti o indiretti possono danneggiare l'aorta e causare la formazione di un'area di dilatazione. Ad esempio, lesioni dell'istmo dell'aorta toracica possono verificarsi a seguito di decelerazioni improvvise, come accade per gli incidenti stradali frontali;
  • cause infettive: alcune infezioni (come la sifilide, la tubercolosi o le contaminazioni micotiche) possono indebolire le pareti dell'aorta e contribuire alla formazione dell'aneurisma;
  • cause infiammatorie: alcune malattie autoimmuni e infiammatorie come la malattia di Takayasu e la vasculite gigantocellulare di Horton possono influire sull'integrità delle pareti arteriose e aumentare il rischio di degenerazione dilatativa.

I fattori di rischio comuni per lo sviluppo di paotlogia aortica includono il fumo di sigaretta, l'ipertensione arteriosa, la predisposizione genetica (familiari con storia di aneurisma), una dieta poco salutare, il diabete e l'obesità.

L'età è un fattore di rischio importante, poiché il rischio di sviluppare un aneurisma aortico aumenta con l'avanzare dell'età, con maggiore prevalenza sopra i 60 anni per gli aneurismi aortici di origine degenerativa.

Sintomi Sintomi

La maggior parte dei pazienti con aneurisma aortico non manifesta sintomi e la condizione viene spesso scoperta in corso di indagini diagnostiche, come l’ecografia o la tomografia computerizzata (TC), eseguite per altre patologie. Questa è una delle ragioni per cui la diagnosi precoce è essenziale per prevenire complicazioni gravi.

Talvolta, un aneurisma aortico causa un sintomo dovuto a compressione esterna di strutture anatomiche circostanti, come ad esempio edema da compressione venosa, piuttosto che disfagia (difficoltà nella deglutizione) da compressione esofago-gastrica, o disfonie (alterazione della voce) da compressione dei nervi implicati nella fonazione.

In altri casi l’aneurisma, specie se addominale, può dar segno di sé come massa pulsante palpabile.

Quando un aneurisma aortico si rompe, invece, può determinare un'emergenza medica grave.

La rottura si manifesta tipicamente con sintomi di ipotensione improvvisa (pressione sanguigna bassa), associata o meno a dolore addominale acuto e intenso: tale evento richiede un intervento chirurgico d'urgenza.

Gli aneurismi che si sviluppano in arterie periferiche, infine, hanno una minore tendenza alla rottura, ma possono causare altre tipologie di problemi: la trombosi (formazione di un coagulo di sangue) o l'embolizzazione di trombi (il distacco di un coagulo che si sposta lungo il flusso sanguigno) sono possibili meccanismi d’ ischemia arteriosa periferica, con sintomi come dolore, ipotermia  (riduzione della temperatura) ed ipocromia (riduzione della normale colorazione cutanea) nelle estremità e negli arti.

Diagnosi Diagnosi

In caso di sospetto di aneurisma dell’aorta, specie se addominale, l’esame di primo livello più indicato è l’eco-color-Doppler. Questo, infatti, consente di dare un’iniziale caratterizzazione sulla dimensione, la morfologia e il flusso sanguigno dell’aneurisma, in modo da poter meglio valutare la necessità di eventuali studi più approfonditi. Si tratta di un esame rapido, non invasivo, con elevata sensibilità e specificità nella diagnosi degli aneurismi aortici addominali.

In seconda battuta, si ricorre all'angiografia con tomografia computerizzata (AngioTC): indagine più approfondita che permette di valutare l'anatomia e le caratteristiche dell'aneurisma. Questa tecnica combina l'acquisizione di immagini a raggi X con l'iniezione di un mezzo di contrasto iodato offrendo un’elevata definizione dei dettagli anatomici, necessari a pianificare il trattamento chirurgico o endovascolare.

In caso di pazienti che devono evitare l'esposizione alle radiazioni o ai contrasti iodati, la caratterizzazione anatomica di un aneurisma aortico è consentita dall'angiografia con risonanza magnetica (angioRM) - tecnica di imaging che utilizza campi magnetici e onde radio per generare immagini dei vasi sanguigni. Tuttavia, l'angioRM può richiedere tempi d’esecuzione più lunghi e produce delle immagini con minore definizione dei dettagli anatomici.

Infine, l’aortografia, un esame che si serve dell’angiografia digitale, è una procedura invasiva in cui un catetere viene inserito in un'arteria per iniettare un mezzo di contrasto iodato e ottenere immagini della conformazione intraluminale dei vasi sanguigni. È un esame particolarmente utile per lo studio di pseudo-aneurismi, dei sanguinamenti o degli endoleak (perdita di sangue intorno a un dispositivo vascolare) in seguito a posizionamento di endoprotesi. Tuttavia, a causa della sua invasività, viene solitamente riservata a casi selezionati per fare diagnosi e terapia nella stessa seduta.

Rischi Rischi

Il rischio più temibile è la rottura dell’aneurisma, con conseguente emorragia potenzialmente fatale.

Tale evenienza è tanto più probabile quanto più è grande l’aneurisma in relazione al suo diametro nativo, variabile da paziente a paziente. È importante sottolineare che non esiste un valore di dimensione esatto che determini il rischio di rottura, poiché dipende da molti fattori individuali.

Infatti, la decisione sul trattamento dell’aneurisma aortico dipende dalla valutazione di un chirurgo vascolare che tiene conto del bilancio rischi-benefici, variabile da caso a caso. In generale, gli aneurismi di dimensioni esigue vengono monitorati regolarmente con esami di imaging per rilevare eventuali mutamenti nella dimensione e nella forma. Quando, invece, l’aneurisma aortico raggiunge dimensioni più grandi, o mostra un tasso di crescita significativo, il rischio di rottura diventa maggiore e può superare i rischi intrinseci ad un intervento chirurgico. In questi casi, la correzione chirurgica o endovascolare dell'aneurisma può essere raccomandata per prevenirne la rottura e le sue gravi conseguenze.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Vi sono due principali tecniche per la correzione dell’aneurisma aortico: chirurgiche tradizionali ed endovascolari.

Le prime prevedono l'intervento chirurgico aperto per sostituire il segmento arterioso dilatato. Tale metodica prevede un'incisione chirurgica, la rimozione dell'aneurisma e la sutura di una protesi a sostituzione del tratto malato per ripristinare il flusso sanguigno normale. Si tratta di un approccio che richiede l'anestesia generale e un periodo di recupero post-operatorio più lungo.

Le tecniche endovascolari invece sono procedure meno invasive che prevedono un accesso ai vasi sanguini mediante una puntura transcutanea. Esse prevedono l’impiego di cateteri e fili guida per raggiungere l'aneurisma dall'interno delle arterie, per poter rilasciare apposite endoprotesi che escludono il tratto di aorta malata. Questo tipo di approccio, meno invasivo, può essere svolto in anestesia locale.

Le tecniche endovascolari offrono numerosi vantaggi rispetto alla chirurgia aperta tradizionale, come minori rischi di complicazioni post-operatorie, tempi di recupero più brevi e minor invasività complessiva. Tuttavia, non tutti i pazienti sono idonei per le procedure endovascolari, e la scelta della tecnica di trattamento dipende da molti fattori, tra cui la forma, la dimensione e la posizione dell'aneurisma, nonché lo stato generale del paziente.

È importante sottolineare che la decisione sul tipo di trattamento migliore per ogni singolo paziente richiede una valutazione accurata da parte di un team medico specializzato, che includa chirurghi vascolari e anestesisti.

Bibliografia

  • Wanhainen A, Verzini F, Van Herzeele I, Allaire E, Bown M, Cohnert T, Dick F, van Herwaarden J, Karkos C, Koelemay M, Kölbel T, Loftus I, Mani K, Melissano G, Powell J, Szeberin Z, Esvs Guidelines Committee, de Borst GJ, Chakfe N, Debus S, Hinchliffe R, Kakkos S, Koncar I, Kolh P, Lindholt JS, de Vega M, Vermassen F, Document Reviewers, Björck M, Cheng S, Dalman R, Davidovic L, Donas K, Earnshaw J, Eckstein HH, Golledge J, Haulon S, Mastracci T, Naylor R, Ricco JB, Verhagen H. Editor's Choice - European Society for Vascular Surgery (ESVS) 2019 Clinical Practice Guidelines on the Management of Abdominal Aorto-iliac Artery Aneurysms. Eur J Vasc Endovasc Surg. 2019 Jan;57(1):8-93. doi: 10.1016/j.ejvs.2018.09.020. Epub 2018 Dec 5. Erratum in: Eur J Vasc Endovasc Surg. 2020 Mar;59(3):494. PMID: 30528142.
  • Chaikof EL, Blankensteijn JD, Harris PL, White GH, Zarins CK, Bernhard VM, Matsumura JS, May J, Veith FJ, Fillinger MF, Rutherford RB, Kent KC; Ad Hoc Committee for Standardized Reporting Practices in Vascular Surgery of The Society for Vascular Surgery/American Association for Vascular Surgery. Reporting standards for endovascular aortic aneurysm repair. J Vasc Surg. 2002 May;35(5):1048-60. doi: 10.1067/mva.2002.123763. PMID: 12021727.
  • Schanzer A, Oderich GS. Management of Abdominal Aortic Aneurysms. N Engl J Med. 2021 Oct 28;385(18):1690-1698. doi: 10.1056/NEJMcp2108504. PMID: 34706173.
  • Sweeting MJ, Masconi KL, Jones E, Ulug P, Glover MJ, Michaels JA, Bown MJ, Powell JT, Thompson SG. Analysis of clinical benefit, harms, and cost-effectiveness of screening women for abdominal aortic aneurysm. Lancet. 2018 Aug 11;392(10146):487-495. doi: 10.1016/S0140-6736(18)31222-4. Epub 2018 Jul 26. PMID: 30057105; PMCID: PMC6087711.
  • Becquemin JP, Pillet JC, Lescalie F, Sapoval M, Goueffic Y, Lermusiaux P, Steinmetz E, Marzelle J; ACE trialists. A randomized controlled trial of endovascular aneurysm repair versus open surgery for abdominal aortic aneurysms in low- to moderate-risk patients. J Vasc Surg. 2011 May;53(5):1167-1173.e1. doi: 10.1016/j.jvs.2010.10.124. Epub 2011 Jan 26. PMID: 21276681.
  • Chiesa R, Tshomba Y, Psacharopulo D, Rinaldi E, Logaldo D, Marone EM, Melissano G. Open repair for infrarenal AAA: technical aspects. J Cardiovasc Surg (Torino). 2012 Feb;53(1 Suppl 1):119-31. PMID: 22433731.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.

Cerca i migliori specialisti che si occupano di Aneurisma nelle province di: Roma, Milano, Torino, Napoli

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Aneurisma?

Trova il Medico più adatto alle tue esigenze.

Hai bisogno di un Dottore per Aneurisma?
Caricamento...