Tumori cutanei

Dr. Riccardo Bono   A cura del Dr. Riccardo Bono

Cos'è Cos'è

La famiglia dei tumori cutanei è molto ampia e racchiude tumori benigni e maligni che prendono origine dalle varie strutture della pelle. Gli epiteliomi prendono origine dalle cellule più superficiali, il melanoma dai melanociti, il Kaposi dalle strutture vascolari, il liposarcoma dal grasso sottocutaneo e il tricoepitelioma dagli annessi cutanei.

Accanto a questi tumori maligni vi sono una serie di neoformazioni benigne come ad esempio le cheratosi seborroiche, i nevi, gli angiomi, i lipomi e gli idroadenomi.

Cause Cause

Le cause della loro insorgenza possono essere molteplici a seconda del tumore in questione. Il sole è il primo imputato nella comparsa dei due principali tumori maligni cutanei: il melanoma e gli epiteliomi. Nel primo sono le scottature solare ad essere chiamate in causa, nei secondi sono le lunghe permanenze al sole sia per motivi ludici che lavorativi.

È evidente che le carnagioni più chiare sono le più coinvolte. Rimane sempre importante la predisposizione genetica e familiare. Ricordiamo inoltre che i raggi solari possono indurre la comparsa di numerosi nevi e anche essere la causa della comparsa delle discheratosi attiniche, lesioni precancerose che possono sviluppare gli epiteliomi. Il morbo di Kaposi è spesso sostenuto da una immunodepressione.

Sintomi Sintomi

I sintomi sono molteplici ma quasi tutti oggettivi e quasi mai soggettivi. La comparsa di lesioni crostose che non guariscono mai e che sanguinano facilmente ci deve far pensare agli epiteliomi. Lesioni pigmentate asimmetriche di colore nero o variegato che tendono all’accrescimento o a modificarsi, ci deve spingere ad escludere un melanoma.

E comunque in genere tutte le dinamicità della cute rappresentate da noduli cutanei e sottocutanei, macchie persistenti, croste persistenti e sanguinanti, noduli e macchie violacee, devono essere sottoposte a visita specialistica dermatologica.

Diagnosi Diagnosi

Il dermatologo si avvale, oltre che della sua esperienza visiva e palpatoria, di due esami strumentali: la ecografia e la dermoscopia. La prima è indicata prevalentemente per neoformazioni sottocutanee (lipomi, liposarcomi, cisti, linfonodi, ecc), la seconda per le lesioni superficiali (nevi, melanomi, epiteliomi, dermatofibromi, cheratosi seborroiche e attiniche, ecc). Nei casi comunque dubbi si deve sempre ricorrere alla biopsia con conseguente esame istologico.

Per arrivare sempre più precocemente alla diagnosi dei tumori cutanei, ci vuole la partecipazione del paziente che deve porre attenzione alle modificazioni o alla comparsa di nuove lesioni, sottoporsi a visite periodiche di controllo e fare attenzione ai fattori di rischio.

Infine si ricorda che lo specialista dei tumori cutanei è il dermatologo che deve saper riconoscere i segni clinici, anamnestici e strumentali e porre in essere le giuste ed efficaci terapie mediche, strumentali e chirurgiche.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Il principale e spesso unico trattamento dei tumori cutanei è la chirurgia. La chirurgia dermatologica si può eseguire quasi sempre in anestesia locale e in regime ambulatoriale o di day hospital. Per gli epiteliomi in alternativa si possono utilizzare le radiazioni ionizzanti, terapie di superficie come la crioterapia e/o terapia fotodinamica e anche farmaci chemioterapici topici.

Per i nevi atipici e i melanomi è necessaria sempre la chirurgia in quanto è indispensabile la diagnosi istologica. In casi avanzati o metastatizzati vi sono diverse possibilità terapeutiche chemioterapiche e immunologiche.

Dr. Riccardo Bono
A cura del Dr. Riccardo Bono
Dermatologo
Prenota una visita

Specialisti che si occupano di tumori cutanei

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...