Molluschi contagiosi

Dr.ssa Michela Curzio   A cura della Dr.ssa Michela Curzio

Cos'è Cos'è

Il mollusco contagioso è un'infezione virale cutanea molto frequente, diffusa soprattutto nei bambini in età prescolare e scolare, nelle persone immuno-compromesse e nei giovani adulti, soprattutto se sessualmente attivi; più raramente si manifesta nell'adulto.

Alcune condizioni patologiche possono costituire un fattore predisponente per lo sviluppo del mollusco contagioso: ad esempio, la dermatite atopica, la malattia di Darier e le immunodeficienze (genetiche o acquisite).

Cause Cause

Il mollusco contagioso è causato da un virus appartenente alla famiglia dei Poxvirus chiamato, appunto, virus del mollusco contagioso (Molluscum Contagiosum Virus, MCV).

Sono noti 4 sottotipi di virus del mollusco contagioso, di cui il tipo MCV-1 è quello maggiormente diffuso (circa 98% dei casi) e responsabile della patologia nel bambino; il sottotipo MCV-2 è presente soprattutto nei pazienti HIV positivi e in caso di lesioni a trasmissione sessuale, mentre i sottotipi MCV-3 e MCV-4 sono presenti in Asia ed Australia.

Sintomi Sintomi

Si trasmette per contatto cutaneo diretto o, più raramente, indiretto (asciugamani, biancheria intima, giocattoli, rasoi...); le lesioni possono anche diffondersi per autoinoculazione in seguito a grattamento da parte del paziente.

Il periodo di incubazione può variare da 2 settimane a 6 mesi.

Le lesioni si presentano come papule cupoliformi bianco-perlacee con una caratteristica ombelicatura centrale (quest'ultima non è sempre evidente nei bambini, soprattutto su lesioni di dimensioni ridotte); spesso raggruppate, possono avere dimensioni variabili da 1 mm fino ad 1 cm; sono di solito asintomatiche, sebbene in alcuni casi possano associarsi prurito, eritema e, raramente, sovrainfezione batterica con conseguente infiammazione e dolore. 

Mediamente sono presenti contemporaneamente 10-20 papule, sebbene possano diventare centinaia, soprattutto se il soggetto è immunocompromesso. Generalmente le lesioni sono limitate alla cute, sebbene possano apparire anche sulle mucose, soprattutto genitale e congiuntivale, mentre la mucosa orale risulta raramente coinvolta.

Alcune lesioni atipiche possono manifestarsi in seguito al coinvolgimento del follicolo pilifero; inoltre, una variante è rappresentata dal mollusco contagioso gigante, che clinicamente può mimare i condilomi acuminati o le verruche volgari.

Nei bambini i molluschi contagiosi sono localizzati solitamente su viso, tronco, arti e ascelle; invece, in caso di trasmissione sessuale, le lesioni sono presenti soprattutto nella regione ano-genitale, addome e interno coscia.

Diagnosi Diagnosi

La diagnosi di mollusco contagioso è clinica e si basa sulla presenza delle caratteristiche lesioni; tuttavia, in caso di difficoltà diagnostiche, possono essere d'aiuto la dermoscopia o l'esame istologico.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Sebbene sia una patologia autolimitante nel soggetto immunocompetente, bisogna, tuttavia, considerare che la risoluzione spontanea potrebbe richiedere mesi incrementando, di fatto, il rischio di autoinoculazione del virus in altre sedi, senza considerare la concreta possibilità di aumento nel numero e nelle dimensioni delle lesioni.

Il trattamento di scelta è la rimozione delle lesioni mediante curettage o crioterapia con azoto liquido, eventualmente con applicazione di un anestetico topico prima del trattamento.

Altre opzioni terapeutiche includono l'applicazione di prodotti topici e il trattamento laser.

Dr.ssa Michela Curzio
A cura della Dr.ssa Michela Curzio
Dermatologo
Prenota una visita

Specialisti che si occupano di molluschi contagiosi

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...