Criptorchidismo

Dr. Andrea Militello
A cura del Dr. Andrea Militello
Urologo

Cos'è Cos'è

Con il termine criptorchidismo indichiamo una condizione patologica nella quale un testicolo (o ambedue) non è valutabile nella tasca scrotale e spesso non palpabile. Solitamente è da considerare una forma congenita e rarissimamente forma acquisita.

Sintomi Sintomi

La patologia di per sé non da sintomi e non provoca alcun fastidio o dolore. Tuttavia il criptorchidismo non curato, per la formazione di masse anomale, può rendersi manifesto nel bambino con difficoltà nel camminare.

Talvolta ci sono sintomi più eloquenti come il dolore acuto in caso di torsione del testicolo ritenuto.

dottore e dottoressa

Consulta la lista degli specialisti disponibili che si occupano di Criptorchidismo. Verifica gli specialisti vicino a te 

Diagnosi Diagnosi

Spesso il semplice esame obiettivo evidenzia il problema. Nel bambino sono i genitori stessi ad accorgersi del problema. La diagnosi è più complessa nelle forme bilaterali, spesso associate ad ipospadia, dove non possiamo prescindere dalla possibilità di trovarci di fronte ad una anorchia (assenza di testicoli).

A questo punto devono essere eseguiti lo studio del cariotipo, i dosaggi di FSH, LH e testosterone pre e post stimolazione con hCG (Human chorionic godadotropin).

Rischi Rischi

Le possibile complicanze possono essere:

  • La trasformazione neoplastica del testicolo ritenuto, motivo per il quale si consiglia sempre l'intervento di orchiectomia quando si è ormai in età adulta.
  • La possibile infertilità per fattore maschile legata ad una sofferenza della spermatogenesi.

  Scopri gli Specialisti che si occupano di
Criptorchidismo vicino a te 

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Come prima ricordato, una volta diagnosticato un criptorchisdimo abbiamo l'obbligo di trattarlo per evitare quelle possibili ripercussioni sulla spermatogenesi con quadri di ipofertilità e infertilità. Diciamo subito che circa il 75% dei testicoli criptorchidi monolaterali tendono a scendere spontaneamente nella sacca scrotale entro il secondo anno di vita.

Se questo non accade deve essere iniziata una terapia medica con gonadotropine allo scopo di stimolare l'attività testicolare e facilitare l'eventuale discesa del testicolo nello scroto. Qualora anche questi tentativi fallissero un'altra soluzione è quella chirurgica: orchidopessi (abbassamento del testicolo) e orchifissazione (fissaggio del testicolo alla sacca scrotale).

Dr. Andrea Militello
A cura del Dr. Andrea Militello
Urologo

Specialisti che si occupano di criptorchidismo

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...