Colon irritabile

Dr. Alberto Frosi
A cura del Dr. Alberto Frosi
Medico Internista

Cos'è Cos'è

La sindrome del colon, o intestino, irritabile (IBS -  Irritable Bowel Syndrome) è un disturbo funzionale dell’intestino caratterizzato da dolore addominale e irregolarità delle feci che rientra nell'ambito delle patologie definite: disturbi dell’interazione tubo digerente-cervello. In Italia, il 7,8 % della popolazione, compresa tra i 20 e i 50 anni soffre di questo disturbo. In particolare le donne affette da IBS sono il doppio dei maschi.

Cause Cause

Posto che una causa precisa e unica è sconosciuta, la fisiopatologia (cioè il meccanismo con cui la sindrome si sviluppa) è multifattoriale e complessa. I fattori fisiopatologici nella IBS sono:

  • Disregolazione del sistema nervoso centrale e autonomo
  • Alterazione dei neurotrasmettitori (serotonina)
  • Fattori psicologici
  • Motilità intestinale alterata
  • Ipersensibilità viscerale
  • Alterazioni della flora batterica intestinale (nel suo insieme, detto microbiota)
  • Malassorbimento degli acidi biliari
  • Permeabilità epiteliale alterata
  • Attivazione immunitaria mucosa
  • Infezioni intestinali (precedenti)
  • Fattori genetici

In alcuni pazienti agisce prevalentemente uno di questi fattori, in altri, molti insieme o forse tutti concorrono nel determinare il disturbo. Cervello, tubo digerente, microbiota e sistema immunitario mostrano associazioni reciproche nello stato di salute e di malattia. Il cervello, tramite il sistema nervoso autonomo e l’asse ipotalamico-pituitario-adrenocorticale, influenza:

  • motilità intestinale
  • secrezione dei liquidi nel lume intestinale
  • permeabilità epiteliale intestinale
  • immunità

Un'altra causa da non trascurare è l'alterazione della composizione del microbiota ovvero l'insieme di microorganismi - batteri, funghi, virus - che convivono nell'intestino umano senza danneggiarlo). Nel lume del digerente vi è 1Kg di microrganismi commensali. Vi sono normalmente 1014 microrganismi (batteri, miceti, virus). Essi sono da 10 a 20 volte il numero di cellule di tutto l’organismo umano. La disbiosi del microbiota è un'alterazione della composizione del microbiota nella IBS (in rapporto con stress, dieta).

Un ruolo importante del microbiota è quello di degradare componenti alimentari non digeribili. La fermentazione dei carboidrati ha l’effetto benefico di produrre acidi grassi a catena corta, che sono protettivi sulla mucosa. Ecco perché essi non devono essere eliminati dalla dieta senza un valido motivo. D’altra parte, i carboidrati fermentabili, oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli possono provocare, in alcuni individui, i sintomi dell’IBS.

dottore e dottoressa

Consulta la lista degli specialisti disponibili che si occupano di Colon irritabile. Verifica gli specialisti vicino a te 

Sintomi Sintomi

Criteri diagnostici aggiornati (Criteri di Roma IV) ovvero dolore addominale ricorrente almeno 1 volta alla settimana negli ultimi 3 mesi, associato a 2 o più dei seguenti criteri:

  • il dolore è legato al comportamento dell’alvo;
  • il dolore è associato a alterazione della frequenza delle evacuazioni;
  • il dolore è associato a alterazione della forma delle feci;
  • i sintomi devono essere iniziati da almeno 6 mesi.

Sottogruppi di IBS:

  1. IBS-C: IBS con predominante stipsi (C = constipation);
  2. IBS-D: IBS con predominante diarrea;
  3. IBS-M: IBS mista (metà C e metà D);
  4. IBS non classificabile (è IBS ma non si riesce a inquadrare nei 3 precedenti);
  5. IBS postinfettiva: è una forma atipica di IBS.

Sintomi aggiuntivi dell’IBS (supportano la diagnosi ma non sono specifici):

  • Sforzo a defecare
  • Urgenza
  • Sensazione di evacuazione incompleta
  • Muco nelle feci
  • Senso di gonfiore solo soggettivo (il gas non è aumentato nell’intestino)
  • Meteorismo “visibile”, con distensione, timpanismo e aumento della circonferenza alla vita
  • Flatulenza
  • Eruttazioni

L'IBS è una patologia che tende ad essere cronica ma se ne può guarire.

Diagnosi Diagnosi

Nella fase diagnostica, il medico dovrà porre particolare attenzione a distinguere tra l'IBS, che è un disturbo funzionale non pericoloso per la vita, e le numerose malattie organiche che possono colpire l’intestino. Nello stesso tempo, egli dovrà evitare eccessi diagnostici, specie se invasivi, quando non necessari. Il conseguimento di questo obiettivo spesso non è facile da raggiungere e richiede molta competenza e esperienza nel campo specifico.

  Scopri gli Specialisti che si occupano di
Colon irritabile vicino a te 

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Le cure e i trattamenti dell'IBS si basano sui seguenti capisaldi. È fondamentale un approccio integrato:

  • Relazione medico-paziente efficace
  • Ascolto
  • Atteggiamento non giudicante
  • Informare il paziente, rassicurarlo e dargli aspettative realistiche
  • Consigli dietetici
  • Terapia farmacologica
  • Psicoterapia

Dieta e nutrizione nell’IBS

Non c’è una dieta che abbia successo “universale”per l’IBS: se il paziente segue già un regime alimentare bilanciato, equilibrato, vario, privo di eccessi, potrebbe non essere necessario consigliargli di modificarlo. Sono possibili intolleranze alimentari, in alcuni pazienti con IBS (intolleranza, non allergia, che ci può essere, ma è un’altra cosa). Se, insieme al paziente, si individua un alimento sospetto (ad esempio lattosio o carboidrati fermentabili), si può provare a eliminarlo per alcune settimane. Ad ogni tentativo di eliminazione selettiva, reintrodurre l’alimento se l’eliminazione è inefficace. Non incoraggiare eliminazioni ingiustificate basate su pregiudizi, false credenze o esito di esami di laboratorio non validati. Evitare di contribuire allo sviluppo nel paziente di una condizione di fobia nutrizionale.

La terapia farmacologica dell’IBS deve essere guidata dal sintomo prevalente:

  • Antispastici per i sintomi dolore e diarrea.
  • Antidiarroici (per IBS-diarroica o mista in fase diarroica).
  • Lassativi (per IBS-stitica o mista in fase stitica): i lassativi osmotici sono da preferire perché i meno dannosi (polietilenglicole – PEG - macrogol), per l' IBS-stitica, migliorano la stipsi ma non il dolore e il meteorismo (che anzi possono peggiorare).
  • Antibiotici non assorbibili, come Rifaximina, se c'è diarrea e/o meteorismo. In genere, da non usare come prima scelta.
  • Probiotici: preferibilmente nell’IBS-diarroica o mista.
  • Simbiotici: nell’IBS-stitica e nell’IBS-mista. Efficacia dimostrata.
  • Antidepressivi, solo nelle forme moderate o gravi. Si usano, al di fuori di comorbidità psichiatrica, a basse dosi. Si deve spiegare bene al paziente che non si prescrivono perché si pensa che egli sia depresso.
  • Psicoterapia. Può ridurre i sintomi gastro-intestinali funzionali in almeno il 50% dei pazienti. Può ottenere risultati migliori della maggior parte dei farmaci.
Dr. Alberto Frosi
A cura del Dr. Alberto Frosi
Medico Internista

Specialisti che si occupano di colon irritabile

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...