Cerca uno specialista, una prestazione medica, una patologia o il nome del medico

Gonorrea

Dr. Carlo Rando

Dr. Carlo Rando

Andrologo Medico Chirurgo - Biologo Molecolare - Andrologia Creato il: 05/04/2019 Ultimo aggiornamento: 21/09/2023

Il gonococco è un batterio che vive sempre in forma accoppiata e, quindi, è un diplococco dotato di una parete che lo rende gram-negativo e, preferenzialmente, tende a stare dentro le cellule infiammatorie, in particolare i leucociti neutrofili. Questi si riversano in numero elevato nello spazio dell’organo dove si è localizzato il batterio.

Infatti, i nomi di gonorrea e blenorragia derivano proprio dalla secrezione, costituita dai numerosi leucociti neutrofili, che ha un aspetto bianco-giallastro, simile allo sperma, e che fuoriesce continuamente (gonos: seme; reo: scorro), ma anche simile a del muco, che sempre fuoriesce con intensità e continuità (blenos: muco; ragoo: erompo).

Gonorrea

Cause Cause

Il batterio tende preferenzialmente a localizzarsi nei canali di comunicazione con l’esterno dell’area genito-perineale maschile o femminile, ossia:

  • l’uretra;
  • l’ano;
  • la vagina.

A questi giunge per trasmissione diretta, ma anche se raccolto in un ambiente sporco, dove sia stato depositato da poche ore.

Dopo essere penetrato, si diffonde in profondità, dove si moltiplica in maniera rapida, inducendo l’alta risposta secretiva infiammatoria. Questo rappresenta il segnale principale della sua presenza, in un tempo variabile tra i due giorni e gli otto, dalla penetrazione nell’organo oggetto di interesse (uretra, vagina, ano).

Quindi il gonococco genera la reazione infiammatoria e questa è la ragione fondamentale della malattia ed è la causa della sintomatologia.

Sintomi Sintomi

La sintomatologia è contraddistinta dai segnali generali di un’infezione, ossia prurito e bruciore, associati o meno al dolore nel canale interessato, nonché nella sua area immediatamente prossima.

Nell’uomo, i sintomi riguardano il pene e l’area pelvico-prostatica. Nella donna, invece, riguarda la vulva e l’area pelvico-vaginale. In entrambi i sessi, può riguardare l’area perineo-anale.

Durante le 24-48 ore seguenti a suddetti sintomi, si osserva la secrezione, più o meno abbondante. Quest’ultima presenta un’alta capacità infettiva, specie se rimane calda e umida.

La presenza del batterio produce una secrezione in quantità variabile, ricca di cellule infiammatorie e, in particolare, dei cosiddetti leucociti neutrofili: insomma, si produce il “pus”. La secrezione contiene quindi:

  • i leucociti neutrofili;
  • i gonococchi accoppiati liberi;
  • i leucociti neutrofili contenenti i gonococchi accoppiati.

Nell’uomo, che presenta infezione nella sede uretrale, la secrezione è di frequente osservabile bene al mattino, prima di urinare, con la cosiddetta “goccia del mattino o del buongiorno”. Quest’ultima è associata alla macchia della secrezione, emessa durante la notte. La minzione successiva può essere solo fastidiosa o molto dolorosa e bruciante in relazione:

  • al grado di reazione infiammatoria;
  • al grado di proliferazione del gonococco.

Negli individui, uomini o donne, scarsamente attenti sia alla propria igiene genitale che anale, la secrezione iniziale copiosa può passare inosservata. In questo modo, l’infezione può cronicizzare con segnali molto bassi, che rendono il soggetto ad alta capacità infettiva.

Diagnosi Diagnosi

Fortunatamente, la diagnosi è abbastanza semplice. Un medico, attrezzato con un microscopio, può eseguirla in maniera celere, raccogliendo e strisciando, su un vetrino, una goccia di secrezione (che viene poi colorata con un colorante per i nuclei: blu di toluidina o blu di anilina). Al microscopio, sarà possibile osservare i leucociti neutrofili circondati e contenenti i gonococchi accoppiati.

Per quei casi di dubbia o scarsa o invisibile secrezione, è possibile eseguire la coltura di un campione, che viene prelevato con un tampone (vaginale, anale uretrale anche dopo spremitura prostatica). Un marcatore blu darà conferma della crescita del gonococco.

Successivamente, sarà possibile eseguire l’antibiogramma per scegliere il miglior antibiotico utile.

Rischi Rischi

Una mancata diagnosi comporta la cronicizzazione dell’infezione, nella sede di impianto del batterio, con riduzione della sintomatologia e impercettibilità della secrezione. Il soggetto, tuttavia, resta comunque capace di infettare i/le partner, ma anche con la diffusione (fortunatamente rara) a distretti lontani dalla sede di infezione, per migrazione del gonococco tramite il sangue e la rete linfatica.

In questi casi, e laddove possa restare il dubbio diagnostico, in assenza dopo aver eseguito i suddetti test, è possibile ricorrere all’analisi PCR (amplificazione del DNA). Tale test viene eseguito sul materiale raccolto con il tampone o sul sangue o su una biopsia. La PCR si può rivelare utile anche per rilevare, nello sperma, il DNA batterico.

È rilevante considerare che è relativamente frequente la trasmissione gonococco con altri (specie con il treponema, responsabile della sifilide), la cui presenza può essere nascosta. Pertanto, è importante che vengano sempre svolti i test utili a evidenziare la possibile presenza di essi, per quanto tutto ciò comporti tempi di esecuzione anche più lunghi (ciò è dovuto al fatto che si devono determinare anticorpi specifici che possono comparire ad un livello diagnostico utile, anche 2-3 mesi successivi all’infezione).

La conseguenza, per tale ricerca, è che non ci si debba fermare ad un primo test negativo, se svolto ad un mese dalla infezione da gonococco.

Un ulteriore rischio, ove l'infezione cronicizzi, è la costituzione di condizioni che possono ridurre la capacità fertile sia maschile che femminile, nonché patologie anche importanti in altri organi.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

La terapia è, tutt’oggi, ancora abbastanza semplice e richiede la somministrazione di un antibiotico (azitromicina, ceftriaxone: salvo diversa dimostrazione dell’antibiogramma, ove sia necessario eseguirlo) assunto ad alta dose per 2-3 volte, raramente oltre.

Ovviamente, è fondamentale la adeguata igiene locale ed, eventualmente, la risoluzione stabile di patologie disfunzionali già presenti o che intervengano nel contesto di questa infezione o che, in tale contesto, vengano rilevate:

  • nell'uomo, la congestione infiammatoria pelvico-prostatica, sclero-ipertrofia del prepuzio, fimosi;
  • nella donna, le infiammazioni e disfunzioni vulvo-vaginali, le cistiti.

Bibliografia

  • Neisseria gonorrhoeae physiology and pathogenesis. Adv Microb Physiol. 2022;80:35-83. doi: 10.1016/bs.ampbs.2022.01.002.
  • Epidemiology, Treatments, and Vaccine Development for Antimicrobial-Resistant Neisseria gonorrhoeae. Current Strategies and Future Directions. Drugs. 2021 Jul;81(10):1153-1169. doi: 10.1007/s40265-021-01530-0.
  • Management of Neisseria gonorrhoeae in the United States. Summary of Evidence From the Development of the 2020 Gonorrhea Treatment Recommendations and the 2021 Centers for Disease Control and Prevention Sexually Transmitted Infection Treatment Guidelines. Clin Infect Dis. 2022 Apr 13;74(Suppl_2):S95-S111. doi: 10.1093/cid/ciac043.
  • Comparison of the patterns of chlamydia and gonorrhoea at the oropharynx, anorectum and urethra among men who have sex with men. Sex Transm Infect. 2022 Feb;98(1):11-16. doi: 10.1136/sextrans-2020-054632.
  • Role of oxidative stress, infection and inflammation in male infertility. Andrologia. 2018 Dec;50(11):e13126. doi: 10.1111/and.13126.
  • The Impact of Selected Bacterial Sexually Transmitted Diseases on Pregnancy and Female Fertility. Int J Mol Sci. 2021 Feb 22;22(4):2170. doi: 10.3390/ijms22042170.
  • Neisseria gonorrhoeae infective endocarditis. BMJ Case Rep. 2022 May 10;15(5):e249723. doi: 10.1136/bcr-2022-249723.
  • Gonorrhée disséminée associée à une atteinte du larynx chez un homme de 25 ans. CMAJ. 2021 Jul 26;193(29):E1149-E1150. doi: 10.1503/cmaj.202183-f.
  • Gonococcal pharyngitis. J Clin Microbiol. 2022 Apr 20;60(4):e0021121. doi: 10.1128/JCM.00211-21.
  • Genitourinary Infections Related to Circumcision and the Potential Impact on Male Infertility. World J Mens Health. 2022 Apr;40(2):179-190. doi: 10.5534/wjmh.210043.

L'informazione presente nel sito deve servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In caso di disturbi e/o malattie rivolgiti al tuo medico di base o ad uno specialista.

Cerca i migliori specialisti che si occupano di Gonorrea nelle province di: Roma, Milano, Torino, Monza e Brianza

Vuoi una parlare con uno specialista?
Hai bisogno di un Dottore per Gonorrea?

Trova il Medico più adatto alle tue esigenze.

Hai bisogno di un Dottore per Gonorrea?
Caricamento...