Pubblicato su 'Transplant Proc. 2011 May;43(4):1184-6'


La Varicella è una malattia infantile contagiosa che colpisce sia pazienti immunodepressi che pazienti immunocompetenti. Questo articolo riguarda una osservazione di una paziente adulta, senza patologie particolari, che si presentava in Pronto Soccorso con un quadro di epatite fulminante. L’epatite evolveva nei giorni successivi, con la paziente ricoverata in un reparto di Medicina, in un quadro di Scompenso generale – il cosiddetto Multi Organ Failure – con una eruzione cutanea maculo papulosa senza febbre. A quel punto la paziente venne ricoverata in Rianimazione e venne eseguita una biopsia epatica che mostrava dei gravi quadri di necrosi cellulare.
La comparsa di una instabilità cardiocircolatoria a questo punto, che venne attribuito all’effetto tossico della necrosi epatica, ci costrinse ad effettuare una epatectomia totale, a togliere cioè il fegato della paziente, in previsione della disponibilità di un donatore di fegato e quindi di un  trapianto.  Si tratta di una manovra che, in condizioni molto critiche, viene effettuata, per salvare la vita di una paziente in gravissime condizioni di salute. Questo stato viene definito di “anepatia”. Purtroppo dopo 11 ore di anepatia, in assenza di un donatore di un nuovo fegato,  la paziente morì. Ciò avvenne 7 giorni dopo il ricovero in rianimazione.

Lo studio post-mortem evidenziò altissime cariche virali sia del virus della varicella (VZV) che di virus herpes 6 (HHV6) nel sangue, nel fegato, nei reni, nei polmoni e nel cuore della paziente. I virus appartenevano a ceppi particolarmente aggressivi.
Probabilmente la presenza del virus HHV6 aveva aggravato la malattia causata dal virus della Varicella. All’origine dello stato di predisposizione della paziente all’infezione virale forse vi era stata una somministrazione di cortisone alla paziente, per una faringite, che aveva probabilmente diminuito le sue difese immunitarie.

Una diagnosi di infezione da Virus della Varicella deve essere sempre sospettata nel caso di eruzioni cutanee anche atipiche. Solitamente si effettua una terapia con acyclovir, ma in questa situazione tale trattamento fu inefficace. In situazioni simili, con un quadro di epatite fulminante, nel sospetto di una infezione da virus della Varicella aggravata da una concomitante infezione da virus Herpes 6, una paziente dovrebbe essere posta il più rapidamente possibile in lista per un  trapianto di fegato.


Bibliografia:

Dacha S, Devidi M, Osmundson E. Budd-Chiari syndrome in a patient with ulcerative colitis and no inherited coagulopathy. World J Hepatol. 2011;3(6):164-169

Socha P, Ryzko J, Janczyk W, Dzik E, Iwanczak B, Krzesiek E. Hepatic vein thrombosis as a complication of ulcerative colitis in a 12-year-old patient. Dig Dis Sci. 2007;52(5):1293-1298

Manco-Johnson MJ, Wang M, Goldenberg NA, et al. Treatment, survival, and thromboembolic outcomes of thrombotic storm in children. J Pediatr. 2012, e-pub ahead of print