La serotonina è un neurotrasmettitore prodotto nel sistema nervoso centrale e nell’apparato gastrointestinale che induce numerosi effetti positivi nel nostro organismo.

Recenti studi hanno collegato la serotonina con il nostro stato di benessere tanto da definirla “ormone della felicità”.

Trova su iDoctors un Dietologo o Neurologo vicino a te!

Cosa è la serotonina

SerotoninaLa serotonina è una sostanza sintetizzata da alcune cellule del nostro corpo a partire da un amminoacido essenziale, il triptofano (definito “precursore”). La sua produzione è un processo fisiologico attivato dai recettori nervosi presenti nelle cellule del sistema nervoso centrale e nell’apparato gastrointestinale.

Pur essendo un processo naturale la sua creazione può essere stimolata e aiutata dal nostro stile di vita seguendo una dieta opportuna, praticando una corretta attività fisica, assorbendo una giusta quantità di luce solare e praticando alcune discipline orientali come lo Yoga e la meditazione.

La serotonina partecipa a numerose funzioni biologiche molte delle quali ancora non del tutto note. Infatti è un mediatore chimico e, a seconda della parte del corpo interessata, interagisce con diversi recettori procurando effetti differenti.

Quali sono le funzioni della serotonina

Come anticipato la serotonina espleta numerose funzioni:

  • regola i ritmi circadiani sincronizzando il ciclo sonno-veglia. I ritmi circadiani consistono in variazioni cicliche delle attività biologiche umane. La serotonina, infatti, è un precursore della melatonina che è un ormone responsabile del sonno,
  • agisce sul controllo dell’appetito e sulle nostre abitudini alimentari regolando il senso di fame/sazietà. Interessante è il meccanismo con cui il nostro organismo ci avverte di non assumere più cibi: gli alimenti, una volta ingeriti, mandano l’impulso di produrre serotonina che a sua volta produce il senso di sazietà limitando l’assunzione di ulteriori cibi,
  • controlla la pressione del sangue agendo sulla contrazione delle arterie e intervenendo in caso di ferite. Ricordiamo, infatti, che grandi quantità di serotonina si trovano nel sangue, in particolare nelle piastrine e nel plasma,
  • controlla il comportamento sessuale. Quantità eccessive di serotonina portano a comportamenti di ipersessualità,
  • interviene nelle relazioni sociali: bassi livelli di serotonina portano al calo di umore, depressione, stati di ansia e aggressività. È per questo motivo che quando siamo di umore basso cerchiamo di mangiare cibi dolci che stimolano la produzione di serotonina che a sua volta ci infonde un senso di benessere,
  • ha effetti inibitori sulla percezione del dolore,
  • interviene sulla peristalsi intestinale e favorisce la digestione, provoca diarrea (se in eccesso) o stipsi (se in difetto). Questo effetto spiega la stretta relazione che intercorre tra il cervello e il “cervello enterico” presente nella zona intestinale,
  • ha un effetto positivo sulla memoria, sulla capacità di concentrazione e sui processi di apprendimento.

Dalle numerosi funzioni della serotonina si capisce perché è chiamato l’ormone della felicità. Influisce, infatti, in maniera importante sul nostro umore e sul nostro stato di benessere generale infondendoci benessere, serenità, tranquillità e felicità (se presente in dosi adeguate). La sua importanza, insieme agli altri ormoni prodotti dall’organismo, è così rilevante tanto che la “chimica della felicità” viene sempre più studiata dagli specialisti.

Come stimolare la produzione della serotonina

La serotonina viene sintetizzata a partire dal triptofano che è un amminoacido essenziale, ossia il nostro organismo non lo produce e lo dobbiamo assumere dall’esterno tramite l’alimentazione.

Quindi il punto di partenza per avere nel nostro organismo la quantità corretta di serotonina è seguire un’alimentazione bilanciata, varia e ricca di proteine “nobili” (presenti in uova, carne, latte e pesce). In questo modo non avremmo problemi nell’assumere tutti gli amminoacidi essenziali. Il triptofano è presente anche all’interno di legumi e vegetali, quindi alche una dieta vegetariana ben impostata ne garantisce il giusto apporto.

Importante per stimolare la produzione di questo importante neurotrasmettitore è il nostro stile di vita che deve essere basato su una corretta e costante attività fisica, una buona vita sociale e la giusta esposizione al sole, fonte naturale di serotonina.

Fonte: www.medicalnewstoday.com