Pubalgia: sintomi, diagnosi e cura

di Guido Cocozza,

Pubalgia

La pubalgia, conosciuta anche come “ernia sportiva” o “ernia da hockey”, è una lesione comune nella zona inguinale.

In realtà la pubalgia non è un’ernia. Un’ernia si verifica quando un organo o un tessuto fuoriesce attraverso il muscolo o il materiale che lo tiene in posizione. Continua

Neonato con difficoltà respiratorie

di Irene Reverberi,

Prima di venire alla luce passano 41 settimane, periodo chiamato gestazione. Durante i 9 mesi, la donna si reca dal ginecologo per i dovuti controlli, per l’ecografia, una lettura accurata dei risultati delle analisi ed infine per misurare il battito cardiaco. In altre parole, vanno controllati all’inizio i valori del beta-Hcg per constatare la regolare crescita del neonato, poi i valori generali dei globuli bianchi e rossi, l’emocromo, la glicemia, la presenza di anticorpi per le malattie infettive e la ves che indica un’infezione in atto o anche passata ma con qualche postumo.

Continua

Fattori di rischio dell’ipertrofia prostatica benigna

di Irene Reverberi,

Sveliamo subito cosa si intende con IPB dicendo che I= Iperplasia P= Prostatica B= Benigna. E’ utile sapere che è un problema non così raro in età puberale, intorno ai 25 anni, con recidive e ripercussioni nelle età più avanzate. L’IPB consiste nell’ingrossamento della prostata di natura benigna e si chiama anche ipertrofia prostatica o infine ostruzione prostatica. In parole semplici va spiegato che quando la ghiandola si ingrossa, comprime l’uretra e porta all’ispessimento della vescica; ciò significa che si hanno problemi nello svuotamento completo vescicale con il conseguente problema della ritenzione idrica.  
Continua

Meningite: cos’è e come affrontarla

di Irene Reverberi,

Nei giornali di tutti i giorni, come anche nelle notizie on-line, si trovano articoli relativi a casi di meningite: alcuni l’hanno superata, altri hanno sofferto moltissimo prima di uscirne ed altri ancora non hanno resistito perché la malattia si è dimostrata resistente ai farmaci.

I problemi più grandi rappresentati da questa infiammazione sono: può colpire a qualsiasi età, la trasmissione è facile e veloce ed infine esistono diversi tipi e sottotipi non tutti copribili attraverso la vaccinazione.

Continua

Settimana per la prevenzione dietologica

di Susanna Sensi,

Con l’arrivo dell’estate desideriamo metterci in forma, a volte seguendo “diete casalinghe”, ma è bene ricordare che, al fine di evitare di incorrere in possibili problemi di salute, è sempre meglio rivolgersi ad uno specialista che saprà guidarci e aiutarci a trovare il modo migliore per perdere peso in maniera sana e senza problemi.

Continua

Cosa sono e come si manifestano le Coree

di Irene Reverberi,

In campo neurologico possiamo individuare due patologie, una di tipo benigno, l’altra di tipo maligno e si tratta rispettivamente della Corea di Sydenham e della Corea di Huntington.

Prendono il nome dal termine greco choreia o latino choréa che significa “danza corale”; non è un caso se, infatti, la corea di Sydenham è chiamata “ballo di S. Vito”. La corea reumatica o ballo di S. Vito è strettamente correlata a malattie reumatiche e ad una precedente infezione da streptococco eta emolitico di gruppo A. Il periodo di latenza può variare da 1 a 6 mesi mentre le manifestazioni cardiache, valvolari e renali insorgono dopo 1 o 3 settimane. Un terzo circa dei soggetti colpiti da Corea di Sydenham soffre di una valvolopatia cardiaca. il sesso femminile è quello più colpito e potrebbe partire già dall’età di 7 anni e nella fascia 7-12.

Continua

Come comportarsi in caso di fiato corto ricorrente

di Irene Reverberi,

 

Il sistema e l’apparato respiratorio comprendono i polmoni, i bronchi, il sistema nervoso centrale, la gabbia toracica, il diaframma, i muscoli intercostali, ed il circolo polmonare. Il sistema nervoso centrale ha il compito di regolare l’attività dei muscoli della gabbia toracica, che fungono da pompa del sistema respiratorio. Dal momento che tutto il sistema e tutti i suoi componenti agiscono insieme, per garantire un efficace scambio di gas, chiaramente il malfunzionamento di uno di questi, comporta un’alterata funzionalità respiratoria.

Continua

Prevenzione dei tumori ereditari

di Irene Reverberi,

Certamente e com’è logico pensare, chi ha in famiglia un parente stretto (padre, madre, fratelli e sorelle) corre un rischio maggiore rispetto a chi non ha casi familiari. Parlare con il genetista e con l’oncologo è però fondamentale per conoscere meglio come difendersi. Fino a 50 anni, di solito la percentuale di una neoplasia è molto bassa, se si è over 50 è fondamentale la prevenzione attraverso esami regolari e di routine: ecografia mammaria, mammografia, pap-test, visita dermatologica per controllare eventuali nei, eco-doppler carotideo (se però dovessero sentirsi o vedersi linfonodi ingrossati), analisi ematiche e dell’urina o altri controlli diagnostici suggeriti dal vostro medico.

Continua

Cosa è l’ipoacusia?

di Guido Cocozza,

Quando si parla di ipoacusia ci si riferisce a quel disturbo che è più comunemente conosciuto come la perdita parziale delle capacità auditive di una persona.

Il soggetto che soffre di questo problema avrà una percezione minore del suono, un sintomo che ha delle cause molteplici e di natura diversa. Continua

Giardiasi in gravidanza

di Irene Reverberi,

È opportuno dire subito che la giardia o lamblia è un organismo unicellulare che può rappresentare un flagello per il nostro apparato digerente. Si tratta di un parassita molto piccolo che causa diarrea e inevitabile disidratazione al nostro organismo.

È un parassita che vive nell’intestino degli animali (in particolare cani, gatti, caprioli e castori) e dell’uomo e si trasmette attraverso le feci o per un passaggio oro-fecale ovvero per aver ingerito qualcosa di contaminato vuoi liquido, vuoi solido.

Continua