Categoria: Ematologia e Malattie del sangue

L’Ematologia è la branca della medicina e, nello specifico, della medicina interna che si occupa dello studio del sangue. L’Ematologia partecipa anche della diagnosi e della cura di tutte le malattie che possono colpire l’apparato circolatorio e quello linfatico costituito anche questo da un liquido (la linfa) che si muove in un circuito di vasi (linfatici), simili alle vene e che al termine del suo percorso, viene riversato nel sangue attraverso la vena cava superiore. L’ematologo studia anche la corretta funzionalità degli organi preposti alla produzione dei globuli bianchi (apparato immunitario).

Prenota un Ematologo con iDoctors

Tutto quello che possiamo sapere dalla nostra VES

di Irene Reverberi,

VES o velocità di sedimentazione/eritrosedimentazione è la velocità con la quale, durante l’esame di laboratorio, i globuli rossi cadono una volta che il sangue è reso incoagulabile; poi viene posto in una provetta in posizione verticale. La misura della distanza tra il livello iniziale del sangue e la parte superiore degli eritrociti sedimentati dopo un dato periodo di tempo, esprime la velocità di eritrosedimentazione.

Continua

INR: un indice importante per analizzare la coagulazione del sangue

di Katia Scuteri,

inr

L’INR è un indice legato alla sensibilità del reagente tromboplastinico utilizzato per valutare il tempo di protombina, un’analisi che serve per quantificare quanto impiega un coagulo di fibrina a formarsi.

Scopriamo di cosa si tratta e quali sono i valori nella norma. Continua

Porfiria acuta: tipologie e sintomi

di Guido Cocozza,

porfiria acuta

La porfiria fa parte di un gruppo di malattie metaboliche rare dovute ad un’alterazione di uno degli enzimi del gruppo eme; la porfiria acuta in particolare si manifesta principalmente con sintomi neurologici.

E’ importante conoscere in modo accurato questa patologia, e una volta effettuata una corretta diagnosi, sottoporsi ai dovuti trattamenti per evitare eventuali spiacevoli complicazioni.   Continua

Terapia anticoagulante orale (TAO)

di Katia Scuteri,

terapia anticoagulante orale

La terapia anticoagulante orale rende più fluido il sangue riducendo il rischio della formazione di coaguli, per evitare eventuali trombosi nei pazienti a rischio.

È necessario un costante controllo del tempo di protrombina da effettuare mediante un campione di sangue per verificare che il livello di anticoagulazione sia adeguato. Continua

La porfiria cutanea tarda

di Guido Cocozza,

La porfiria cutanea tarda

La porfiria cutanea tarda è la tipologia più diffusa di porfiria, una serie di malattie in cui si ha una carenza di un particolare enzima nel sangue. Questa patologia è equamente distribuita in tutto il mondo e in tutte le razze e colpisce prevalentemente gli individui di sesso maschile adulti (generalmente dopo i 40 anni di età).

I sintomi più evidenti riguardano la pelle che risulta fragile e particolarmente soggetta ai danni causati dall’esposizione alla luce solare (fotosensibilità). Continua

Porfiria: una rara patologia metabolica

di Guido Cocozza,

Porfiria una rara patologia metabolica

La porfiria è una famiglia di patologie metaboliche rare provocate da un’alterazione degli enzimi del gruppo eme, la parte non proteica dell’emoglobina, che ha la funzione di trasportare l’ossigeno nel sangue.

Gli esperti suddividono la porfiria in vari gruppi a seconda alla tipologia dell’alterazione enzimatica coinvolta. Continua

Piastrine in gravidanza: cosa succede se sono basse?

di Irene Reverberi,

Piastrine in gravidanza copertina

Piastrine in gravidanza: nozioni di base

Le piastrine sono cellule senza nucleo circolante nel sangue periferico e sono originate dai megacariociti, ossia cellule che si trovano nel midollo osseo; queste sono le cellule necessarie alla coagulazione del sangue: quando si verifica una lesione, le piastrine aderiscono rapidamente alla ferita consentendo un primo “soccorso” portando alla formazione di un primo trombo ematico.
Numericamente oscillano tra le 150.000 e le 400 mila: si definisce piastrinopenia la condizione in cui il numero risulta inferiore, e piastrinosi quando invece superano le 400.000. Continua

Sideremia alta: cause e conseguenze

di Katia Scuteri,

sideremia alta

La sideremia alta conosciuta anche come “ipersideremia” indica una concentrazione del ferro nel sangue più elevata rispetto ai valori nella norma.

Questa situazione potrebbe comportare conseguenze negative legate al regolare funzionamento del sistema nervoso, del metabolismo, del ritmo cardiaco e in alcuni casi,  anche problemi di infertilità. Scopriamo da cosa può dipendere e come si può intervenire. Continua

Sideremia bassa: sintomi, cause e cure

di Katia Scuteri,

sideremia bassa

La sideremia bassa conosciuta anche come iposideremia indica una quantità di ferro legato alla transferrina più bassa rispetto ai valori nella norma.

E’ importante indagare sulla causa che ha determinato questa carenza di ferro, perché potrebbe essere il campanello di allarme di altre patologie. Continua

Alfa talassemia: origine e tipologie

di Katia Scuteri,

alfa talassemia

L’alfa talassemia è una malattia ereditaria dovuta ad una alterazione delle catene alfa dell’emoglobina. Viene classificata in quattro tipi diversi a seconda del numero dei geni coinvolti.

Può manifestarsi in diverse forme più o meno gravi e nei casi più difficili  potrebbe necessitare anche di trasfusioni di sangue. Continua