La Legionella pneumophila è un batterio diffuso in ambienti caldi e umidi, se si inalano goccioline di acqua infetta si trasmette la malattia, che necessita inevitabilmente di trattamenti antibiotici.

Per cercare di evitare il contagio è importante un’accurata manutenzione di impianti idrici, aria condizionata e piscine.

Trova su iDoctors un Allergologo o Chirurgo vicino a te!

Legionella: dove prolifica il batterio

legionellaIl batterio della Legionella prolifica in genere in ambienti con una temperatura compresa tra i 25 e i 55 gradi. I luoghi in cui si riproduce con più facilità sono le zone in cui ristagna l’acqua, sia naturali come fiumi e laghi, sia artificiali come piscine e fontane.

Il batterio diventa pericoloso quando, oltre a questo intervallo di temperatura,  si verificano contemporaneamente alcune condizioni come vaporizzazione dell’acqua, stagnazione, ambiente ossigenato, presenza di alcuni elementi come scorie e materiali plastici.

Quindi risultano facilmente a rischio gli impianti di distribuzione dell’acqua.

Colpevoli della diffusione sono spesso gli impianti di aria condizionata che, se non trattati con le dovute cure igieniche, permettono una facile diffusione del batterio.

Molta attenzione va fatta quindi alla cura nella manutenzione di questi impianti sia a casa e in auto, ma anche negli ambienti di lavoro, nei luoghi molto affollati come alberghi, centri commerciali, luoghi ricreativi, luoghi per attività sportive, scuole, caserme e ospedali.

È importante quindi non solo una costante e continua manutenzione degli impianti, ma anche una corretta progettazione e realizzazione degli stessi, che dovrebbe limitare la lunghezza delle tubazioni e la formazione di ristagni.

Legionella: come avviene il contagio

legionella causeIl batterio si trasmette non per contatto con persone già infette, ma inalando micro particelle di acqua infetta e contaminata presenti nell’aria. Il batterio attraversa le vie aeree e raggiunge i polmoni dove prolifica.

In Italia la legionellosi, termine con il quale si definisce l’infezione causata dal batterio della Legionella, è una patologia molto diffusa, si manifestano infatti circa 1300 casi di legionellosi l’anno.

Una volta avvenuto il contagio, i sintomi più comuni sono polmonite, tosse, mal di testa, febbre e dolori muscolari.

Non è facile effettuare una diagnosi solamente analizzando i sintomi, ma è necessario effettuare un test specifico di laboratorio ed eventualmente anche altre indagini come un’ecografia al torace.

Una volta accertata la presenza di questo batterio il medico prescriverà le dovute cure, in genere a base di antibiotici, a seconda comunque del tipo di legionellosi che si manifesta, Malattia dei Legionari, più grave, Febbre di Pontiac, più lieve. In genere la febbre di Pontiac si risolve spontaneamente.

Rivolgiamoci comunque a personale medico esperto per evitare di incorrere in spiacevoli rischi e per trattare la patologia nel modo più corretto.

Legionella: le persone più a rischio

Esistono dei soggetti più a rischio per i quali è più facile che il batterio della Legionella si diffonda. Sono persone con un sistema immunitario più basso, come gli anziani, i fumatori, chi consuma alcolici, chi è soggetto a problematiche legate ai polmoni e a malattie che causano immunodepressione. Inoltre in base alle statistiche gli uomini risultano più colpiti da questa patologia rispetto alle donne.