La dott.ssa Maria Rosa Donato è Medico Chirurgo, Specialista in Geriatria e Dietologia e, attualmente, esercita la sua professione a Roma e Cosenza.

Allo scopo di conoscerlo meglio e presentarlo agli utenti di iDoctors, gli abbiamo rivolto qualche domanda.

Quando ha deciso di fare il geriatra?

È quasi capitato per caso, ero giovane e non pensavo che sarebbe stato tanto impegnativo ma nemmeno che mi avrebbe dato così tante soddisfazioni.

Quali sono gli aspetti del suo lavoro che apprezza di più e che trova più interessanti o quali le danno maggiori soddisfazioni?

Ciò che mi piace di più è aiutare gli altri e lo faccio a ogni costo con tutta me stessa, perchè in ogni paziente ci vedo un papà o una mamma o un figlio di qualcuno a cui affettivamente è legato, e questa tenacia spesso mi ha portato a venire a capo di casi difficili o improbabili diagnosi.

Quale ritiene sia l’aspetto più duro del suo lavoro?

L’aspetto più duro è quello di non aver orari, tutti i giorni sono uguali e spesso nemmeno in vacanza ci si rilassa a pieno.

Se non avesse fatto il medico cosa avrebbe fatto?

Se non avessi fato il medico avrei fatto la pasticciera.

Ripensandoci oggi, qual è l’errore che all’inizio della carriera avrebbe voluto evitare?

Non so che errore avrei dovuto evitare esattamente, forse li ho rimossi, ma il mio percorso fatto di sacrifici mi ha portato ad essere quella che sono oggi, e tutto sommato ne sono soddisfatta.

All’inizio della carriera ha mai pensato di cambiare, oppure di non farcela?

All’inizio pensavo che forse sarebbe stata troppo dura da sostenere, che avrei dovuto scegliere dermatologia, che mi piaceva comunque tanto.

C’è stata una persona o un episodio determinante nella sua formazione professionale?

Ho avuto pochi modelli da seguire, ho deciso che avrei fatto il medico quando ero piccola perchè volevo capire perchè la gente stava male.

Se dovesse dare un consiglio ad un collega che è all’inizio della sua carriera di medico, cosa suggerirebbe?

Ad un collega che vuol fare il medico dico vai a formarti all’estero, fa più esperienza che puoi e poi torna a lavorare a casa.

Cosa fa nel tempo libero?

Nel tempo libero mi piace fare sport e viaggiare.

Nella sua esperienza le è capitato spesso di dover risolvere problemi legati a disinformazione in campo medico? Ci racconti il caso che ricorda di più.

La disinformazione o malinformazione in medicina è figlia dell’accesso al web e spesso si fa fatica ad abbattere le convinzioni che si creano tra i laici.

Può raccontarci una storia significativa che le è capitata durante la sua carriera professionale?

Di storie significative ne porto diverse nel cuore, ogni persona che incontro nella sua fragilità riesce a regalarmi un’emozione anche solo con uno sguardo.

Nuovi progetti per il futuro?
Progetti per il futuro… mi piacerebbe lavorare all’estero periodicamente ma non so se succederà mai.