Il sonno di un bambino può essere disturbato da incubi che spesso esprimono alcune preoccupazioni che il piccolo nasconde dentro di sé.

Il consiglio degli esperti è quello di non banalizzare alcuni brutti sogni che il bambino fa, ma di cercare di capire se sono dovuti a particolari stati d’animo, per aiutarlo a superare le sue difficoltà.

Trova su iDoctors un Pediatra vicino a te!

Le cause dei disturbi del sonno nei bambini

disturbi del sonnoI disturbi del sonno possono essere causati da svariati fattori, specifici in genere a seconda dell’età del bambino.

Generalmente i disturbi di un neonato possono essere legati a coliche, alla dentizione, o allo svezzamento.

Dai due anni in poi nel bambino possono  emergere durante la notte paure legate a particolari stati d’ansia, il bambino inizia a maturare e ad aumentare la sua immaginazione.

Dai tre anni alcuni disturbi sono legati alla paura del buio, ma anche a situazioni che si stanno verificando in quel determinato momento legate in genere ad alcuni cambiamenti, come ad esempio il distacco dai genitori e l’inserimento in un ambiente scolastico.

Più il bambino cresce più diventa consapevole e attento all’ambiente che lo circonda. Alcune volte anche piccole liti familiari possono influenzare la sua serenità e comportare irrequietezza e pensieri durante la notte.

Disturbi del sonno nei bambini: rimedi

disturbi del sonno rimediI genitori possono aiutare il proprio bambino a superare questi disturbi cercando di individuare se esiste una causa ben precisa che lo tormenta.

In quel caso gli esperti consigliano di stare vicino al proprio figlio cercando di farlo esprimere per capire i suoi dubbi e le sue paure riguardo ad una particolare situazione che in quel momento sta influenzando la sua serenità.

E’ importante quindi  aiutarlo ad affrontare una sua paura, parlandone riuscirà poi a superarla con più facilità.

Se i disturbi del sonno sono invece legati ad un rifiuto del distacco serale dai genitori allora  non bisogna trascurare il momento della messa a letto.

E’ importante essere costanti negli orari e farli addormentare nella propria cameretta; il letto di mamma e papà deve limitarsi a particolari eccezioni.

Alcuni rituali possono rivelarsi un grande aiuto per trasmettere sicurezza e serenità al bambino, come ad esempio:

  • raccontargli una fiaba,
  • cantargli una ninna nanna,
  • posizionare nel letto un oggetto al quale è particolarmente affezionato,
  • coccolarlo.

I tipi disturbi del sonno nei bambini

Esistono poi altri disturbi che tendono ad interrompere il sonno del bambino come ad esempio il bruxismo notturno e il pavor nocturnus.

Il bruxismo notturno, caratterizzato da un digrignare dei denti durante la notte, potrebbe essere causato secondo alcuni esperti da un disallineamento tra le arcate dei denti, o da uno stato di tensione nervosa del bambino.

Il pavor nocturnus, invece, si manifesta in genere con urla e grida, sudore e occhi sbarrati del bambino, disturbo che tende a colpire nelle prime due ore del sonno. Ad esserne soggetti sono maggiormente i bambini maschi di età compresa tra due e i dodici anni. È un comportamento del sonno che gli esperti considerano tra le parasonnie.

Il consiglio che viene dato ai genitori è quello di non intervenire e di non cercare di consolarlo, è importante non toccarlo e non cercare di svegliarlo, ma è preferibile stargli vicino con le parole per cercare di tranquillizzarlo, altrimenti si potrebbero avere effetti negativi.

In genere la durata di questi attacchi non supera i 30 minuti, subito dopo il bambino torna a dormire tranquillo senza ricordare nulla dell’accaduto.

Le cause che fanno scatenare questo disturbo sono ancora molto incerte; si pensa ad un legame con forti stati emotivi, deficit di sali minerali, febbre, cause genetiche. Con il tempo questo disturbo tende  a scomparire da solo, di solito durante l’adolescenza.

In caso di dubbi è sempre preferibile parlarne con il proprio pediatra, che saprà consigliarci come intervenire al meglio.

Fonte:

http://www.ospedalebambinogesu.it/difficolta-del-sonno-dei-bambini#.WR_g_mjyjIU