Dall’uovo al neonato: un percorso pieno di insidie

15/4/2017 -

La vita ha inizio quando un uovo femminile viene fecondato dallo spermatozoo e si forma lo zigote; ed è infatti questa cellula totipotente che rappresenta la nascita di ogni individuo. Lo zigote, appena visibile ad occhio nudo, contiene i cromosomi del padre e della madre; questo si trasforma ed evolve progressivamente in organismo pluricellulare attraverso divisioni, migrazioni, crescita e differenziazione delle sue cellule.

Cos’è la Gametogenesi?

Problemi renali in gravidanza 2La gametogenesi è il processo attraverso il quale si formano e si sviluppano cellule germinali e specializzate, chiamate gameti, divisi in ovociti e spermatozoi; questo processo prepara le cellule sessuali alla fecondazione.

Durante la gametogenesi, il numero dei cromosomi viene ridotto di circa la metà e si crea così la condizione in cui sia l’ovocita che lo sperma possiedano la metà delle cellule del corpo (cellule somatiche). Per quanto riguardano i cromosomi sessuali, esistono due tipi di spermatozoi ovvero 23 ed X e 23 ed y, mentre gli ovociti solo un tipo: il 23 X. La differenza nella dotazione di cromosomi sessuali determina il sesso del nascituro. Ma cosa può succedere nella gametogenesi? L’età materna biologica ideale per la riproduzione va dai 20 ai 35 anni; l’età è molto importante, poiché più si va verso i 35, più le probabilità di anomalie cromosomiche in un embrione aumentano.

Con il passare degli anni la donna corre un rischio maggiore di partorire figli affetti dalla sindrome di Down o da altre forme che provocano ritardi mentali o ancora altre patologie. Se durante la fecondazione lo zigote possiede un numero irregolare di cromosomi, l’embrione avrà molti problemi il giorno che e se verrà al mondo.

Come procede il percorso di fecondazione?

Il luogo dove avviene solitamente la fecondazione è l’ampolla delle tube uterine. Se l’ovocita non viene fecondato scende nel canale uterino dove degenera; se, al contrario lo è, vuol dire che la testa dello spermatozoo ha avuto la forza necessaria alla fusione con il nucleo delle cellule uovo. Questo meccanismo è alla base della variabilità della specie umana. La fecondazione con uno spermatozoo di tipo X produce uno zigote 46XX che si sviluppa in una femmina, se lo zigote è 46XY nascerà di sesso maschile.

Cosa avviene con le tecniche di fecondazione assistita?

Se una donna è sterile, significa che ha le tube occluse, anche solo parzialmente, e l’incontro fra gameti non può avvenire. Ecco però che l’ovaio può essere stimolato attraverso la fecondazione assistita: alcuni ovociti maturi possono essere prelevati e messi a contatto nelle dovute sedi con gli spermatozoi, il più spesso del partner; il contatto porta alla fecondazione e alla formazione dello zigote; la situazione viene comunque monitorata per più di 5 giorni per poi procedere con il trasferimento in utero degli stessi che non devono essere più di 3; se lo sono, questi vengono conservati in azoto liquido per usi successivi.

Dallo zigote come procede l’embrione?

Le divisioni ripetute dello zigote determinano un rapido aumento del numero delle cellule; la segmentazione ha luogo, quando lo zigote scende dalle tube all’utero. Nell’utero le cellule sono compattate e pronte a formare una morula (blastocele). Dopo il suo ingresso in utero, la morula nuota in uno spazio ripieno di liquido (cavità blastocistica) che gradualmente aumenta portando alla formazione di cellule che sono in 2 posizioni: all’esterno le cellule prendono il nome di trofoblasti ed hanno il compito di nutrire l’embrione e dare origine alla placenta e all’interno l’embrioblasto dal quale si svilupperà e nascerà l’embrione.

Come si può preselezionare il sesso dell’embrione?

La diversa velocità di migrazione degli spermatozoi X ed Y permette la selezione, mentre nell’inseminazione artificiale il sesso lo si sceglie. La diagnosi genetica pre-impianto può essere effettuata da 3 a 5 giorni dopo la fecondazione in vitro. Vengono prelevate dallo zigote una o due cellule e sono quelle che stabiliranno il sesso. Talvolta possono capitare incidenti spiacevoli quali l’interruzione spontanea della gravidanza o embrioni malati: il periodo critico nell’impianto è la fase iniziale poiché potrebbero verificarsi lì i problemi che bloccano la crescita. Per quanto riguarda le cellule staminali embrionali, si può dire che lo sviluppo si divide in diversi stadi, durante i quali partendo dall’uovo vengono generati organi e tessuti.

Le cellule pluripotenti vengono collocate all’interno della blastocisti e sono in grado di generare tutti i tipi cellulari che compongono i tessuti e i sistemi di ogni organismo. L’impianto della blastocisti in utero si verifica nella seconda settimana dopo la fecondazione. Dalle cellule di rivestimento delle blastocisti (trofoblasto) si dipartono dei villi che erodono lo strato interno dell’utero. Le cellule interne si riuniscono a formare un disco embrionale formato da tre strati; dai villi ha poi origine la parte fetale della placenta e dai tre strati, menzionati prima, hanno origine gli altri organi del feto.

Tale procedura può essere effettuata anche al di fuori dell’utero (impianto extra uterino) e in questo caso i blastocisti portano a gravidanze ectopiche soggette a maggiori complicanze rispetto a quelle interne, come per esempio la difficoltà ad arrivare fino al termine. L’embrione, infatti, in alcuni casi non sopravvive e i villi degenerano e formano dei rigonfiamenti cistici simili ad acini d’uva. Questa situazione va monitorata dal ginecologo ed altri specialisti, poiché le cisti solitamente benigne, potrebbero dar luogo ad una degenerazione e diventare di tipo maligno; in tale circostanza l’unica soluzione è chirurgica.

Conclusioni

È possibile seguire l’evoluzione embrionale attraverso esami specifici e dopo qualche settimana è consigliabile una valutazione tramite un ecografo possibilmente in 3D o superiore. Si può conoscere il sesso del nascituro sia dopo un normale concepimento sia nella fecondazione assistita, grazie alla quale lo si può scegliere. L’ecografia permette di risalire all’età gestazionale e alla crescita regolare del nascituro, così come di individuare gli eventuali difetti di natura congenita ed infine se la gravidanza è unica o plurima.

FONTE: LO SVILUPPO PRENATALE DELL’UOMO a cura di K.L. Moore 2017

Cerca un Ginecologo nella tua citta’ con iDoctors

  • Devi prenotare una visita medica? Risparmia tempo

    Trova un medico nella tua città e prenota online! iDoctors é il primo servizio in Italia che ti permette di prenotare in tempo reale visite specialistiche ed esami diagnostici in forma privata, anche a domicilio. E' un servizio gratuito.
    PRENOTA ORA CON IDOCTORS
  • Argomenti

  • Gli ultimi articoli

  • I tuoi Medici preferiti

    Caricamento...