L’ ansia da esame è quella sensazione di paura, che può arrivare fino al terrore e al panico, che tutti noi abbiamo provato durante il nostro percorso di studi.

Capiamo quali sono le cause di questi timori e come rendere l’ansia da esame una spinta verso il successo.

Trova su iDoctors un Psicologo vicino a te!

I sintomi dell’ansia da esame

L’ansia da esame è un disturbo che colpisce studenti di tutte le età e le persone che devono affrontare una prova in cui vengono giudicati.

I sintomi più comuni dell’ansia d’esame possono essere:

  • timore,
  • paura,
  • preoccupazione,
  • sentirsi falliti,
  • confusione,
  • angoscia,
  • vergogna,
  • terrore,
  • sentirsi umiliati,
  • perdita di controllo,
  • svalutazione,
  • paura di morire,
  • depressione,
  • tremore,
  • attacchi di panico.

Numerosi studi hanno dimostrato che un normale stato di ansia quando si deve affrontare un esame è del tutto fisiologico. Se il livello dell’ansia è contenuto può innescare addirittura risposte emozionali positive e migliorare i risultati finali rispetto a chi non prova ansia.

Il problema è quando l’ansia d’esame diventa patologica ossia se:

  • è associata a sensazioni negative molto forti,
  • la mente è sempre impegnata a immaginare risultati catastrofici della prova (fare scena muta, avere crisi di panico, essere bocciati, scappare),
  • l’esito dell’esame è associato al fallimento dell’intera vita e non a una prova isolata e circoscritta,
  • la persona sviluppa un’ansia anticipatoria eccessiva e non legata alla reale importanza dell’esame,
  • crea un disagio importante in tutti gli aspetti della vita della persona e ne compromette la qualità globale,
  • influisce negativamente sul percorso scolastico o professionale fino a portarne a ritardi o, nei casi più gravi, a una interruzione (indipendentemente dalle reali capacità e potenzialità).

Quando l’ansia d’esame diventa patologica la persona colpita tende a evitare l’esame adottando la strategia di “evitamento”. In questi casi, anche se nell’immediato si prova sollievo per aver evitato il conflitto, alla lunga questo comportamento non fa che aumentare il livello d’ansia per le prove successive.

La maggior parte delle persone colpite da questo disturbo sono consapevoli che la loro reazione è irrazionale e priva di fondamenti reali ma non riescono a liberarsene. Se non trovano rimedi seri, pensano di essere diversi dagli altri e la loro autostima diminuisce sempre di più.

Come superare l’ansia da esame?

ansia da esamePer superare l’ansia da esame, o almeno portarla a livelli accettabili, è necessario un serio lavoro di crescita personale con l’aiuto di uno specialista che può utilizzare tecniche di diversa natura.

Lo scopo è di attaccare le cause scatenanti dell’ansia, ossia i pensieri negativi che portano a un aumento dei sintomi, e sostituirli con pensieri positivi e utili che portano all’accettazione del “rischio” e a dargli la corretta importanza.

Oltre alle tecniche classiche di psicoterapia, ultimamente si sono affacciate tecniche nuove come la Mindfulness e il Massaggio Psico Emozionale.

La Mindfulness è una disciplina orientale con più di 2500 anni di storia. È la traduzione inglese della parola “Sati” che nell’antica lingua liturgica buddista significa “attenzione consapevole, nel momento presente e non giudicante”.

Il Massaggio Psico Emozionale è un particolare massaggio che lavora sul corpo e sulle emozioni della persona producendo stimoli a livello materiale ed energetico in quanto agisce su tutti i Chakra. Permette di scaricare le energie negative generate dall’ansia d’esame sciogliendo le tensioni accumulate, procurando un rilassamento e un senso di serenità che permettono di affrontare meglio la prova imminente.

Un altro modo per superare l’ansia d’esame è di praticare un moderato esercizio fisico che permette di scaricare le tensioni e stimolare le ghiandole endocrine nella produzione di sostanze positive al nostro umore.

Fonte: www.calmclinic.com